5 Responses to Cambi di senso e di direzione negli sport di squadra (1a parte)

  1. carlo voltolini 2 novembre 2011 at 10:58 #

    Buongiorno Prof. prima di tutto complimenti per il blog, direi che si sentiva proprio il bisogno di avere un “luogo” dove incontrarla e dove tutti gli interessati abbiano la possibilità di confrontarsi. Una domanda che le volevo fare al convegno riguarda lo sviluppo di esercitazioni per la forza ,alla quale Lei accennò solamente, quando parlava delle accelerazioni, supponendo che poteva esserci un altro modo per allenarla che non fosse solo verticale. Si riferiva a esercitazioni con traino, a resistenza elastica, all’utilizzo di sovraccarichi con angolo favorevole all’accelerazione rispetto al terreno o altro? spero di essere sato chiaro. buonagiornata Carlo Voltolini

    • laltrametodologia 2 novembre 2011 at 12:21 #

      si carlo esatto credo che i sistemi di allenamento della forza orizzontale siano nel calcio e nel basket importanti , naturalmente maggiormente nel calcio . Gli esercizi con l’elastico hanno un senso nella fase di frenata per destabilizzare , non hanno alcun senso nella fase di accelerazione . Sono necessari vari esercizi diversi dal traino al torsionpulley , all’isoinerziale etc , anche alle ercoline . va ricordato che la forza orizzontale è molto bassa quindi anche una “piccola ” resistenza produce effetti . E poi ricordiamoci che gia l’inclinazione del corpo ,se la filmi , ti da l’indicazione dell’accelerazione che produci .Ci sono molte cose da fare e da studiare altro che le ripetute sui 1000 !

      • carlo voltolini 2 novembre 2011 at 12:47 #

        Infatti, Prof. Credo che, in seguito ai vostri studi, ora il punto focale sia lo sviluppo di esercitazioni che abbiano come finalità l’accelerazione, la decelerazione e la capacità di cambiare direzione “economicamente”. Sebbene sia scarso i 1000 metri non li ho mai fatti, ma sicuramente ho fatto tante altre cavolate!!! Ovviamente è una battuta!!! Se dovesse studiare qualcosa inerente o se avesse già delle idee pratiche sono ben accette. Grazie e buonagiornata

  2. NINNI 7 novembre 2011 at 10:56 #

    grande PROF !!!!

  3. Sergio Machella 9 novembre 2011 at 17:49 #

    Ciao Roberto,
    tra i mezzi di allenamento citati nella risposta a Carlo (mio compagno di corso che saluto) quali sono il torsionpulley e l’isoinerziale? Altra domanda, se uso un giubbetto zavorrato (nonostante sia soggetto a F di gravità) nei lavori di forza orizzontale (scivolamenti, balzi laterali, uscite 1 gamba) posso comunque considerarlo carico da accelerare? …e ovviamente da decelerare.

s2Member®