Torsion Pulley: uno strumento completo e di basso costo per l’allenamento funzionale

(by E. Introini & RColli) Oggi vogliamo farvi vedere come nel corso del tempo, prendendo idee varie, siamo riusciti Elisabetta ed io a sviluppare per il nostro lavoro in palestra un'attrezzatura “ecologica” a costo quasi zero che ci consente una enorme quantità di esercitazioni funzionali.
Siamo partiti dalla base del TRX, idea senz’altro geniale, ne abbiamo modificato la struttura immettendo una carrucola, ed abbiamo costruito intorno dei piccoli accessori che lo rendono utilizzabile universalmente. Naturalmente lo usiamo in tutti gli sport, con caratteristiche ed esercitazioni a volte differenti, ma praticamente non abbiamo più bisogno di nessun attrezzo, esclusi i bilancieri per gli squat e la pesistica adattata.
Nel corso di questi anni lo abbiamo quindi adattato sempre più alle esigenze specifiche, ma è nostra intenzione farvi vedere anche come storicamente lo abbiamo arricchito identificando i presupposti del movimento, e non certo la sua coreografia. Ciascuno di voi può quindi crearsi gli esercizi funzionali per la propria attività sportiva, anche nel fitness. Quindi quella di oggi è solo la prima parte di un viaggio che durerà 4 uscite sul blog dove cercheremo di ripercorrere un po' di storia.

,

15 Responses to Torsion Pulley: uno strumento completo e di basso costo per l’allenamento funzionale

  1. troisiarmando 30 novembre 2011 at 10:07 #

    Grazie prof finalmente incominciamo a dare un pò un idea di come si usa il TRX .
    Tanti soldi per imparare ad usare una corda con due maniglie………
    Siamo diventati talmente stanchi che non vogliamo più nemmeno pensare…
    Ma prof. quello con carrucola non esiste spero che non lo inventeranno e poi ne prenderanno i meriti……………..
    P.S: ( non facciamo diventare i nostri atleti degli equilibristi al trx..)..

    • silviobarnaba 30 novembre 2011 at 14:19 #

      i miei giocatori trovano che le spinte siano più impegnative e le gradiscono molto soprattutto con, all’angolo piu chiuso, aperture diverse delle braccia grazie alla carrucola. bench press? in soffitta da un pò.

    • laltrametodologia 1 dicembre 2011 at 10:06 #

      ti avevo gia replicato ieri ma non so dove sia andato a finire ….. no debbo dirti la verità uno con la carrucola l’ho visto ma non mi ricordo dove ( stamattina uno mi ha scritto il sito dove lo puoi trovare …. a 250 dollari!!!). E se ne prendano i meriti chissenefrega io penso che noi dobbiamo brevettare il cervello , non gli strumenti per l’uso che ne facciamo in rapporto allo sport praticato . Comunque aspetta che ci sono ancora altri accessori e applicazioni che penso aumenteranno l’ integrazione del lavoro lo vedrai nei prossimi filmati e spero ti suggeriranno cose nuove e diverse da quelle che facciamo noi , in rapporto al tuo obbiettivo . Basta ricordarsi che il torsionpulley è uno strumento e non il fine …. e siamo tranquilli .

  2. Maurizio Cesali 30 novembre 2011 at 13:00 #

    Veramente un’ottima alternativa prof. Molto più funzionale del TRX. Senza tralasciare la parte più importante quella economica!!! Credo che con 20€ al Max si possa prendere tutto l’occorrente.

    • laltrametodologia 30 novembre 2011 at 16:07 #

      aspetta anche le altre questo che hai visto è secondo me solo il 15-20% delle possibilità applicative .nelle altre parti ci saranno molti altri spunti da cui penso ognuno potra sviluppare i propri esercizi non per coreografia ma per obbiettivo motorio . E tutto sempre ad un costo minimo ( attenzione pero compara carrucole e corde che sostengano pesi elevati non economizzare su quello )

    • Delia 20 dicembre 2011 at 03:07 #

      Me dull. You smart. That’s just what I ndeeed.

  3. antonio 30 novembre 2011 at 14:24 #

    Salve Prof. una perplessita’ : mi chiedo l’integrazione tra le sinergie dinamiche e quelle posturali non viene alterata dal fatto di non avere la forza di gravita’ perpendicolare all’asse corporeo ? l’importanza del lavoro nella stazione eretta non e’ dato proprio dal rispettare queste sinergie muscolari che lavorano insieme e dove la direzione della forza di gravita’ e’ elemento fondamentale? come si vede dal grafico il carico si annulla proprio quando il corpo e’ in verticale.Certo poi dipende da uno cosa vuol fare ,da qual’e l’obiettivo, lavori piu’ generali o altro , per esempio (come le scrivevo) nel cercare di tener conto delle caratteristiche della fascia e proprio perche’ a certi angoli il carico e’ basso posso lavorare con movimenti elastici di push up e trazioni come nel video per stimolare l’elasticita’ fasciale,la ricerca del contromovimento e’ ad esempio uno degli aspetti da considerare nell’allenare la fascia ,grazie

    • laltrametodologia 30 novembre 2011 at 16:04 #

      magari aspetta un attimo a cvedere anche le altre applicazioni e forse le tue perplessità diminuiranno , almeno spero . Hai detto giusto dipende dagli obbiettivi e dallo sport che fai quando scatti come sta il tuo asse corporeo se non inclinato di 45° ? Attenzione il mio modo di ragionare prevede il movimento e poi quello che c’è sotto , non il contrario altrimenti non farei niente . comunque aspetta la fine e poi mi farai le tue critiche perchè si cresce sempre .

      • antonio 30 novembre 2011 at 16:17 #

        nessuna critica prof. cerco io di capire

      • antonio 30 novembre 2011 at 16:37 #

        mi riferivo al movimento di trazione ,ma ,pensandoci anche con i push up qualsiasi sia l’inclinazione la forza non e’ perpendicolare sul corpo inclinato essendo l’aggancio del trx arretrato rispetto a dove e’ applicata la forza quindi le strategie posturali sono diverse’ ,quando scatto e’ vero che sono inclinato ma la forza di gravita’ e’ sempre perpendicolare al corpo inclinato ,cambiano le attivazioni muscolari,comunque …aspetto

  4. Sergio Machella 30 novembre 2011 at 16:25 #

    una mia pallavolista brasiliana quarant’enne che in tutta la sua esperienza in giro per il mondo non aveva mai usato il torsion pulley dice che questo è un mezzo di allenamento rivoluzionario. Sottolineo che è una brasiliana, una di quelle che se non porta ad esaurimento ogni serie di lavoro con della sonora ghisa non è contenta!

    • antonio 30 novembre 2011 at 16:41 #

      guardando un po’ la nazionale brasiliana in sala pesi non mi sembrano dei geni della preparazione,poi i giocatori non fanno testo …non capiscono un ….

      • Kaycee 20 dicembre 2011 at 13:30 #

        That’s the best asnewr by far! Thanks for contributing.

  5. Marco Silvino Di Eduardo 30 novembre 2011 at 16:56 #

    Grande Prof. .
    Anche io ho attrezzato un sistema fatto in casa ma non riuscivo a lavorare sulle torsioni. La trovata della carrucola è geniale, mo’ la sperimento.
    Le giro solo una perplessità che mi è stata sollevata da un Personal Trainer parlando di questo lavoro nella palestra dove sto facendo il tirocinio e alla quale non ho saputo rispondere appieno. In pratica lui sostiene che questo lavoro non sia funzionale in quanto si lavora in sospensione, cosa che non accade durante la gara. Io devo dire che sto ottenendo buoni riscontri sia dalle atlete che dagli atleti maschi, ma soprattutto dalle atlete che se non vedono i bilanceri si sentono già meglio.

  6. Bettie 21 dicembre 2011 at 02:10 #

    Surprisingly well-written and infmortavie for a free online article.

s2Member®