12 Responses to Linus molto meglio di Arcelli!!!

  1. troisi armando 1 dicembre 2011 at 14:34 #

    PROF non si può, la capito anche linus che lavora in radio….,,…..ma lo capisco non può ammettere di aver preso fischi per fiaschì il sig.Arcelli altrimenti di cosa vivrà………

  2. carlo voltolini 1 dicembre 2011 at 16:37 #

    Allucinante!!!! Ma non si può chiedere al giornalista Gasparotto della gazzetta di intervistare lei Prof. rispondere a queste cavolate e vedere cosa succede??

  3. roberto vaccher 1 dicembre 2011 at 23:37 #

    NON HO PAROLE………
    Concordo con il commento sopra…..Mi piacerebbe che la intervistassero PROF…vorrei vedere le facce di tutti e i relativi commenti……

    • Teige 20 dicembre 2011 at 15:36 #

      Articles like this just make me want to visit your weibste even more.

  4. sv85 6 dicembre 2011 at 23:05 #

    salve, ho letto anch’io quanto scritto nell’articolo e sn veramente basito…
    sono un collega ( ma ancora studente) di carlo e volevo fare i complimenti al prof. Colli per i suoi articoli…purtroppo però non sono riscito a visualizzare i filmati e volevo chiedere in merito cosa occorre per vederli, tipo essere registrati al blog? se è cosi potreste dirmi come fare a registrarmi…grazie Steve

    • Cristian Savoia 6 dicembre 2011 at 23:36 #

      No Stefano, non necessiti di una registrazione (il blog è all free). A volte (è capitato anche ad altre persone) i video non partono, ma di solito è temporaneo il problema e si risolve da solo. Prova anche a cambiare browser e vedi cosa succede (es. Mozilla Firefox, Internet Explorer o Safari se usi un Mac). Un saluto

      • sv85 7 dicembre 2011 at 11:04 #

        ho seguito l’informazione e infatti cn firefox riesco a vedere i video…grazie della disponibilità saluti

  5. Massimo Di Giovanni 7 dicembre 2011 at 16:13 #

    considero Roberto un mito, il nostro faro e un Maestro non solo di preparazione fisica ma non sono però neanche un ruffiano. Premetto che nella preparazione atletica di basket non ho MAI, ripeto MAI utilizzato le ripetute sui 1000 metri e MAI lo farò. Ma concordo col prof. Colli solo al 90% sull’argomento di cui sopra ma Arcelli non dice di farle sempre, tutti i giorni. Parla di 25 minuti alla settimana, il che non esclude tutto il lavoro tecnico ed atletico con pallone quindi torsioni, accellerazioni, decellerazioni, cambi di direzioni ecc. Forse quei 25 minuti di potenza aerobica misti alle 8/10 ore (circa) settimanali di lavoro con palla potrebbero avere il loro senso . Con i professionisti, sarebbe tutto solo teorico perchè (specialmente con americani presenti), scordatevi che le facciano seriamente tutte le settimane

    • laltrametodologia 7 dicembre 2011 at 16:34 #

      Non voglio contestare la tua dichiarazione naturalmente legittima , dico che non dobbiamo parlare di migliorare la potenza aerobica del giocatore che è un falso obbiettivo perché quella migliora da sola se l’allenamento è sufficientemente intenso in rapporto alla durata . Faccio una domanda , come mai i maratoneti hanno 80ml/min/kg di Vo2max pur se non fanno molti lavori al 90% del Vo2max cioè i 4 x 1000 , quindi è sbagliata pure questa proposta perché , con azioni di gioco io posso fare 12-15′ al 75-80% del Vo2max (85%-90% della FCmax se mi regolo con la FCMAX ) e sto facendo un lavoro di alta intensità ( 5-10% piu elevato della partita ) in rapporto alla durata . Se vogliamo parlare di lavoro diverso con impegno cardiaco allora faccio fare nuoto spinning ,aerobica , remo ergometro dove allora gli arti inferiori sono meno sollecitati e lo considero un lavoro di recupero . Se voglio fare un lavoro di breve durata 4-8′ ed alta intensità senza palla con obbiettivo secondario il Vo2max ( perché il primario è sempre ,sempre, sempre la riduzione dei costo energetico delle variazioni di ritmo ) lo svolgo al 90-95% della FCmax ( sempre se usa ancora quella ) utilizzando circuiti senza palla dove immetto variazioni di senso e di direzione di velocità ed introduco dei recuperi variabili come durata e velocità . Questo serve per il calcio ma per il basket questa organizzazione non va bene ed allora etc etc . Questo ripeto è il mio pensiero per cercare di aver chiaro cosa sto facendo e non adottare classificazioni puramente metaboliche senza senso negli sport di squadra , ma anche per gli sport ad alta componente tecnica non naturale ( come nuoto kayak,ciclismo etc ) . Comunque ti ringrazio per il MITO , fa sempre piacere nonostante tutto ciao e buon lavoro ( o se vuoi replicare è utilissimo )

  6. carlo voltolini 7 dicembre 2011 at 20:32 #

    Ciao Massimo, prima di tutto ti saluto e ti faccio i complimenti per la stagione (fai gli scongiuri del caso!!). Ciò che dici potrebbe essere anche giusto se proposto con metodo e con continuità come lavoro supplementare. Purtroppo e te lo dico da ex scarso calciatore dilettante (portiere tra l’altro), ti devo mettere al corrente che ci facevano fare i 1000 esclusivamente nel periodo precampionato, a volte subito il primo giorno dopo magari 3/4 mesi di inattività (fgurati se il calciatore si allena off seaason!!) e per 3 o 4 giorni consecutivi con doppo allenamento al pomeriggio. Con il risultato che qualcuno si infortunava subito. Poi succedeva che si arrivava all’inizio del campionato e solo allora ci facevano fare lavori intermittenti e le ripetute sui 1000 le ritrovavamo nella sosta di Natale c’era l’immancabile “richiamo” in cui ci massacravano nuovamente. Che dire! Da qualche anno collaboro con delle squadre di categoria veramente modesta e la distanza più lunga percorsa è stata di 300 metri circa al 4° o 5° giorno di preparazione, fatti non con la volontà di raggiungere scopi metabolici, ma per far a poco a poco rimettere in moto i motori dei giocatori e soprattutto cercare di non infortunarli. Ma questa è solo la mia esperienza opinabilissima!!! Un abbraccio. Grazie ancora per i consigli di inizio anno. Spero di vederti presto ciao

  7. Gloriana 20 dicembre 2011 at 14:43 #

    Created the grateest articles, you have.

  8. Fantini Davide 7 giugno 2012 at 04:36 #

    Ahahahahahah, questo capolavoro di ignoranza (in)consapevole mi era sfuggito. Dato che oggi Claudio Bisio ci ha resi edotti che per l’anno prossimo non condurrà Zelig, propongo Arcelli come suo più meritevole sostituto: farebbe una degnissima figura…come comico!
    E come direbbe Totò: “ma mi faccia il piacere!”

s2Member®