Accelerazioni, decelerazioni e GPS: approfondiamo

ACCELERAZIONI , DECELERAZIONI E GPS

Dopo una cena da Bobbo ad Albano dove ci hanno servito tre primi da panico come maccheroni all'amatriciana, spaghetti cacio pepe e ricotta e per finire tortiglioni alla carbonara, riprendersi stamattina è veramente dura. Ma il piacere di rincontrare molti miei ex studenti che si stupiscono di come tanta gente sia rimasta a metodiche di allenamento superate è stato evidente. Non è potuto mancare un riferimento al mitico Arcelli e al suo articolo sulla Gazzetta e a tanti altri personaggi al potere oggi nel campo dello sport e dell’istruzione che farebbero bene a farsi quantomeno un esame di coscienza su dove stanno portando la cultura sportiva italiana.
Parliamo quindi di accelerazioni, navette, e cominciamo ad introdurre alcuni spunti di riflessione su cosa succede quando facciamo azioni con variazioni di velocità e di senso, ed in questo caso notiamo che il GPS deve diventare un nostro solido alleato come per tanti anni lo sono stati i cardiofrequenzimetri, meglio di niente, ma utili solo a darci un valore generico dello sforzo compiuto e molto spesso anche fuorviante per tutte le sue problematiche di deriva e di nessuna affidabilità sulle variazioni brevi.
Ricordo a tutti che sarò a Mariglianella il 12 Dicembre per una conferenza sul calcolo della potenza metabolica nela calcio, organizzata dall'AIPAC regionale campana del presidente Varracchio e praticamente gratuita data la presenza di uno sponsor: ieri mi sono commosso quando un ragazzo che non conosco mi ha scritto dal Piemonte dicendomi che ha trovato una combinazione a poco prezzo di aerei per venirmi a sentire, lo abbraccerò quando lo vedrò!!!

, , ,

7 Responses to Accelerazioni, decelerazioni e GPS: approfondiamo

  1. Stefano Crepaz 6 dicembre 2011 at 12:46 #

    Grazie Prof per la serata di ieri!
    è stata una boccata di aria fresca e ha dato nuova forza a chi deve “combattere” tutti i giorni con la vecchia guardia…

    Domanda: è possibile, anche dopo Mariglianella (se ne vorrà parlare lì), parlare e approfondire l’aspetto della FC e della sua deriva negli sport di squadra? Ne ha accennato qualcosa anche in questo articolo…
    Grazie mille!

    • laltrametodologia 7 dicembre 2011 at 06:21 #

      ciao Stefano piu che di deriva e basta direi proprio l’inadeguatezza della FC a rappreentare correttamente un fnomeno come le variaizoni di ritmo presneti negli sport di squadra . Se fino a ieri era l’unico sistema di controllo possibile pazienza , oggi con i gps abbiamo una precisione molto maggiore e quindi la FC deve essere accantonata o presa come un sistema generico in cui possiamo dire poco di preciso , come invece pretende chi ci ha costruito una carriera sopra tramite i soliti articoli scientifici tutti sbagliati

  2. Stefano Crepaz 9 dicembre 2011 at 12:54 #

    Grazie prof del chiarimento!

  3. Matteo Rasi 12 dicembre 2011 at 09:11 #

    Scusate ma potete spiegarmi in maniera più approfondita perchè la FC è un valoro poco attendibile negli sport di squadra? Quali sono i problemi, le criticità che questo dato presenta?
    P.S. Non so se questo argomento è già stato trattato in qualche post precedente che mi sono perso….

    • laltrametodologia 12 dicembre 2011 at 09:21 #

      Hai ragione non abbiamo ancora scritto nulla su questo , oggi presento i primi dati a Mariglianella su questo argomento dove si dimostra chiaramente che la FC è totalmente imprecisa per la valutazione del carico metabolico in allenamento , in quanto soggetta a deriva , calore etc . Se fino ad oggi accettavamo questa imprecisione perchè non c’era altro da ora con la valutaizone della ptoenza metabolica puoi evitare di usarla ed avere un indice molto piu preciso per valutare il tuo allenamento . Questo vale per tutti gli sport dove ci sono molte variazioni di ritmo a cui la FC non può adeguarsi in tempo data la sua latenza . Naturalmente nel tempo cercherò di spiegare questo fenomeno e anche qui tutti i dati della letteratura pseudo scientifica sarnno messi in forte discussione .

      • Matteo Rasi 12 dicembre 2011 at 09:31 #

        Grazie prof. Mi serve un piccolo chiarimento però: cosa significa deriva negli sport di squadra riferito sempre alla FC?? Grazie in anticipo x la risposta

s2Member®