Allenamento intermittente (1): focus sul sistema alattacido

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Viste le notevoli richieste di chiarimento sull'uso dell'allenamento intermittente, ho deciso di inserire una serie di clip su questo argomento con molti spunti pratici. La prima sarà credo esemplificativa sull'importanza della conoscenza del sistema alattacido, e sulla modilità di base (funzionamento) dell'allenamento intermittente.

, ,

8 Responses to Allenamento intermittente (1): focus sul sistema alattacido

  1. fadesi 10 dicembre 2011 at 15:15 #

    complimenti prof. di una chiarezza estrema

    • aniello 11 dicembre 2011 at 21:43 #

      Salve,sono un ciclista granfondista,con conoscenze di fisiologia applicata al movimento, ho trovato questo art, semplice e interessante.Volendo approfondire l’argomento dove posso trovare degli appunti?
      ps:
      Come posso avere il foglio di calcolo della potenza.
      Grazie e complimenti.

  2. Marco Silvino Di Eduardo 17 dicembre 2011 at 16:12 #

    Prof un paio di chiarimenti se possibile. Visto che il sistema aerobico interviene di più di quello glicolitico nella produzione di energia, è giustificato pensare che in sport come la pallavolo in cui gli sforzi non superano mai i 10 sec, sia il caso di allenare il sistema ossidativo ? Il discorso di pensare al sistema creatin-fosfato come ad un serbatoio che se consumato a meno intensità dura più a lungo, come si sposa con l’intervento del sistema glicolitico quando gli sforzi superano i 10-15 secondi ?
    grazie e complimenti

    • laltrametodologia 17 dicembre 2011 at 20:14 #

      ma il sistema ossidativo lo allena basta che rispetti dei recuperi brevi tanto da tenerlo elevato , tra un azione intensa e l’altra . Credo ceh ci sia nei prossimi giorni un audiovideo con qualcosa che riguarda la pallavolo , soprattutto la femminile sotto la A1 che risulta essere un altro sport con la palla che cade di meno e quindi la palla è piu in gioco e l’azione dura di più , e poi c’è una pausa media di 18-20″ : attento senno arriva Arcelli o qulche leccculo che ti dice che devi fare le ripetute sui 1000 anche nel volley !!! . Attenzione a dire che le azioni nel volley durano 10-15 o anche 20″ , in quanto la palla va di la e tranne situazioni particolari la palla rimane di la per 2-3″ , quindi quando l’azione dura 20″ ( non è la amggioranza ) le azioni sono 3″ intense e 3″ piu blande , quindi il sistema glicolitico anche qui è marginale , ed infatti non si trova nulla di lattato anche in qeuste categorie

  3. Deena 20 dicembre 2011 at 15:13 #

    I aprepciate you taking to time to contribute That’s very helpful.

  4. carlo rossi 13 febbraio 2012 at 13:31 #

    prof Colli mi chiamo carlo rossi e da molti anni mi occupo di tennis
    pur essendo un allievo del prof arcelli riguardo agli interventi dei sistemi energetici per fornire energia ho sempre pensato che le cose andavano
    come da lei descritto in questa semplice e eccellente presentazione
    Mi piacerebbe poter dialogare con lei per mettere insieme uno studio specifico . Le lascio il mio recapito mail carlo.rossi@unimi.it — carlo. .rossi@aruba.it La contatterò poi io
    grazie infinite

  5. nunzio 20 marzo 2012 at 09:30 #

    complimenti per il grande contributo offerto all’aggiornamento di noi addetti al lavoro

    volevo chiedere nel grafico di Di Prampero E tot 0,333 sta per ?

    grazie molte

    • laltrametodologia 20 marzo 2012 at 09:57 #

      grazie per i complimenti E tot = 0,333 sta per il totale del lavoro svolto nell’azione intensa ed è la somma delle 3 componenti che trovi in altao ( aerobico alattacido e lattacido ) . Il lavoro è lo stesso per ogni ripetizione , cambiano le componenti metaboliche . Particolarmente importante notare che la produzione di enrgia per via lattacida è presente solo nella 1 e poi tende a scomparire man mano che cresce il contributo aerobico .

s2Member®