Allenamento intermittente (3): costruiamolo con la tabella

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Oggi ritorniamo sull’allenamento intermittente e sulle sue molteplici possibilità di costruzione, finalmente usando la tabella per costruirlo, in modo da poter disporre un qualcosa di pratico. Il lavoro di oggi si riferisce soprattutto ad un lavoro da approcciare per le discipline di mezzofondo veloce (da 2' a 8' per intenderci), ma alla fine viene anche sviluppato un allenamento intermittente in salita con i dovuti accorgimenti per il ciclismo su strada. Questo perché nella mia visione e collocazione dell'allenamento intermittente per anni veniva collocato solo nei lavori di tipo intervallati, mentre invece cominceremo a vedere che possiamo utilizzarlo anche nei lavori cosiddetti continui con variazioni di ritmo.
Una prova chiara sarà soprattutto l'uso di questi lavori negli sport di squadra, dove da quando useremo in maniera più diffusa il GPS, potremo avere dei riscontri immediati se la costruzione è corretta oppure no, collocando le molteplici fasi di lavoro a secco a diverse intensità in maniera sempre più corretta, correggendoli quando serve come avete visto nel video di ieri sul GPS, stiamo arrivando.
A proposito Venerdì in consegna a Roma i primi 10 GPS, come vi avevo promesso al seminario di Roma dell'AIPAC del 24 Ottobre, realizzato nel tempo previsto, grazie soprattutto al lavoro instancabile e di altissima qualità dell'Ing. La Gala e del suo collaboratore Ing. Carbone, a cui va anche il merito di sopportare da due mesi le mie pressanti rotture di coglioni.

, , ,

12 Responses to Allenamento intermittente (3): costruiamolo con la tabella

  1. fadesi 22 dicembre 2011 at 11:17 #

    Ho una proposta per tutti i navigatori che accedono a questo blog con continuità e che ritengono importanti queste lezioni per la nostra formazione continua, (Vi assicuro che nei vari corsi universitari che ho svolto nelle diverse università ( Roma 4 – Roma 2 – Roma 3), non ho mai ricevuto informazioni così puntuali, interessanti e specifiche, capisco inoltre il grande sforzo che sta effettuando R.Colli inserendo giornalmente tutti i video tutor. se ritenete questo servizio utile anche voi, (e la figata è che potete vedere e rivedere i filmati soffermarvi sulle vostre riflessioni e riascoltare magari i concetti che non sono stati subito ‘ metabolizzati’ propongo di instituire un fondo cassa a favore del prof colli per la sua instancabile volontà di divulgare le sue conoscenze a tutti

  2. manuel.u 22 dicembre 2011 at 12:43 #

    Sono D’accordo, perchè i miei studi e i miei aggiornamenti li sto portando avanti grazie a questo blog creato dal prof. Roberto Colli. Il sito è nato per informarci e per farci “discutere” sulle ricerche e sugli studi della metodologia dell allenamento portati avanti dal prof. R. Colli e coll. Ovviamente senza mai chiederci un EURO!!! quindi mi sembra doveroso alimentare il blog con dei contributi liberi, condivido in pieno.

  3. Francesco Veltri 22 dicembre 2011 at 13:57 #

    Io ci sono e ho delle proposte!Basta vedere il numero delle visite per capire che basterebbe una cifra irrisoria per ogni persona.Se si paga 30-40 euro annuali per una rivista perché non si può fare per il sito?
    Ragazzi aspetto numerosi commenti in positivo,non giriamo le spalle e facciamo finta di niente!!!

    • Emanuele 22 dicembre 2011 at 14:59 #

      Più che in accordo con la vostra proposta…si pagano svariate migliaia e euro per essere disinformati…mentre qui finalmente qualcuno che ci stimola a pensare e a formarci! Merita un segno di riconoscenza.

  4. Marco Silvino Di Eduardo 22 dicembre 2011 at 15:50 #

    Sono completamente d’accordo

  5. Francesco de Grazia 22 dicembre 2011 at 18:18 #

    Credo talmente tanto al lavoro che sta svolgendo il Prof. Colli che non ho esitato a comprare subito il Gps che lui ci ha proposto. E questo penso sia anche un segno di riconoscenza per i suoi sforzi profusi fino ad adesso.

  6. antonio 22 dicembre 2011 at 21:34 #

    pienamente d’accordo !!!

  7. Cristian 23 dicembre 2011 at 16:27 #

    per quanto mi riguarda non ci sono problemi…favorevolissimo a continuare l’opera di approfondimento dell’immenso prof. Colli anche sotto riconoscenza annuale da destinare a lui…

  8. daniele 23 dicembre 2011 at 18:23 #

    Ciao a tutti.Pienamente d’accordo anch’io nel ritenere di grande importanza i contributi del Prof Colli e collaboratori.Ho già ordinato il Gps e ringrazio il Prof per la sua diponibilià nel sentirci al cell per chiarimenti sul gps.Auguro a tutti voi un sereno Natale ed un 2012 che ci porta qualche certezza in più sulla metodologia dell’allenamento ( e con l’aiuto del Prof Colli sicuramente sarà così). Ciao Daniele Nervi

  9. gennaro 24 dicembre 2011 at 06:24 #

    ok va benissimo. Infatti, possiamo versare a lui la quota del tesseramento annuale alla FIPE.

  10. roberto masiello 4 gennaio 2012 at 14:59 #

    In linea con quanto affermato fino a questo momento. aspetto indicazioni per come alimenatere il fondo cassa, doveroso nei confronti di cosi tanto impegno e cosi alta sapienza.

    roberto

  11. alessandro fusco 23 gennaio 2012 at 19:01 #

    PIENAMENTE DACCORDO………….COLLI è UNICOOOOOOOOOOO

s2Member®