L’opinione di Fabio sull’aggiornamento degli operatori sportivi in Italia: discutiamone insieme

(by Rcolli) Ieri ho letto questo divertente ed esplicativo paragone di Fabio Di Giuseppe su Facebook riguardo al convegno nazionale dell’AIPAC di Coverciano di quest’anno e gli ho chiesto un approfondimento sull’argomento che lui mi ha inviato e che pubblico molto volentieri perché sicuramente ripaga me ed i miei collaboratori degli sforzi gratuiti per tenere una buona qualità su questo blog. Mi farebbe piacere che anche altri commentassero questa sua presa di posizione, io farò qualche considerazione più ampia su questo argomento alla fine di questo intervento, e dopo i vostri commenti, riguardo le problematiche dell’aggiornamento nel nostro settore.

(Fabio Di Giuseppe): "Convegno Coverciano: Associati AIPAC € 180,00; Studenti Scienze Motorie Corso di Laurea Triennale € 100,00 (€ 85,00€ per iscrizione convegno + € 15,00 tesseramento 2012/2013);
"www.laltrametodologia.com" free e open source… aperto e tutti possono intervenire…
… non mi tornano i conti… in pratica sarebbe come acquistare un televisore in bianco e nero a 2000 euro… e uno di ultima generazione Full HD a 0 euro!!!".

(Rcolli) Per adesso faccio solo una mia nota: "Chi sarebbe il televisore in bianco e nero?". Io un'idea ce l’ho ed ha gli occhialetti… segue la nota di approfondimento di Fabio che ringrazio perché almeno ha preso una posizione difficile ma pubblica.

Buongiorno Prof. Colli,
due righe per presentarmi. Sono Fabio Di Giuseppe, laureato in Scienze Motorie e specializzando in Scienze e Tecniche dello Sport. Oltre a vivermi le prime esperienze "da campo" cercando di mettere in pratica tutto quanto di teorico mi è stato (in alcuni casi) ben fornito negli anni universitari, mi ritengo un attento osservatore di tutto ciò che riguarda la metodologia dell’allenamento.
Appunto per questo sono solito seguirmi il sito "www.laltrametodologia.com", convegni, conferenze riguardo questi temi, con la speranza che ognuno di esso possa contribuire ad aggiungere un tassello alla costruzione della mia professionalità.
Ho seguito numerosi convegni, organizzati dall’Aipac a cui sono fiero di appartenere, cioè quella della sezione Campania, ultimo quello di Mariglianella dove per 4 ore (e forse più) noi presenti abbiamo avuto la fortuna di assistere ad una sua lezione, un po' come vivere la situazione di essere nel presente ma avanzare nel futuro.
Temi nuovi, e infatti proprio quando credevo di sapere qualcosa ho cominciato a guardarla da un’altra prospettiva. E non c’è nulla di meglio a mio parere.
Così come ricordo una tavola rotonda organizzata dall’Aipac Lazio a cui ho partecipato, momento di scambio culturale estremamente interessante, con un unico obiettivo, scambiarsi opinioni, dibattere e scontrarsi ma in modo assolutamente costruttivo.
Le scrivo da semplice studente, ancora troppo inesperto per cimentarsi in temi da "laltrametodologia" di cui è giusto che ne parlino Professori, Preparatori, Allenatori e Studiosi con maggiori competenze ed esperienze.
Io però ci tengo a dirle una cosa, spero anche a nome di moltissimi miei colleghi.
Ho appena letto le quote di partecipazione al convegno Aipac Nazionale che si terrà a Firenze. Gli associati Aipac pagheranno 180 euro, mentre gli studenti come me 100 euro di cui 85 per l’iscrizione al convegno e 15 di tesseramento.
Però, se decido di partecipare prima di fine Aprile, ottengo uno sconto e vado a pagare 65 euro. Calcolando che partirei in macchina da Roma, tra andata, convegno e ritorno… se tutto va bene mi svuoto di 150/200 euro.
Sinceramente sono molto deluso. Vorrei con il massimo rispetto chiedere a coloro che hanno fissato questo prezzo: "Ma volete allontanare chi si vuole avvicinare a quest’ambito?".
Per essere preciso, ci tengo a sottolineare che chi scrive ha seguito questo convegno nei 3 anni precedenti, sempre pagando.
Però quest’anno è come se fosse cambiato qualcosa.
Mi chiedo, far circolare la cultura in questo Settore dovrebbe essere obiettivo primario di chi è a capo di organizzazioni simili. Molti studenti già fanno numerosi sacrifici per mantenersi i 5 anni, non possono permettersi anche spese extra elevate. Che poi, capisco il tesseramento, ma la quota di 85 euro??
Tutti questi dubbi e perplessità vengono poi ancor di più evidenziate quando da qualche mese c’è il suo sito che oltre ad essere free permette a tutti di esprimere la propria opinione e seguire vere e proprie lezioni da casa, e per questo, voglio farlo anche a nome di moltissimi colleghi, la ringrazio.
Facendo due conti, è come comprare una televisione in bianco e nero a 180 euro e un’altra di ultima generazione Full HD a 0 euro!! E’ ovvio che prendo la seconda!!!
Questa mia forse sconclusionata lettera di “sfogo” prima di tutto è per incitare Lei e tutti coloro che scrivono su questo sito di CONTINUARE A FARLO perché è fonte primaria di informazioni per tantissimi ragazzi come me.
Siamo studenti di Scienze Motorie specializzati in Scienze e Tecniche dello Sport, questo è il nostro ambito e queste sono le nostre convinzioni. La nostra non è solo una passione, ma è una Professione, e, la nostra Associazione Madre, non solo dovrebbe appoggiarci, ma sostenerci fortemente.
“Non affogatevi nella pigrizia mentale, guardatevi intorno. Osate cambiare, cercate nuove strade.”
Cordiali saluti.
Fabio Di Giuseppe

7 Responses to L’opinione di Fabio sull’aggiornamento degli operatori sportivi in Italia: discutiamone insieme

  1. armando troisi 4 marzo 2012 at 09:07 #

    Caro Prof. purtroppo questa è l’Italia ……
    Io 2 anni fa dopo essermi laureato come Tecnico di radiologia e decisi di iscrivermi a Scienze Motorie perché lo sport è stata sempre la mia passione, ma dopo 2 mesi ho deciso di non frequentare più la facoltà perché, ho avuto l’impressione che i professori si sentano più medici che preparatori.”Ma le tutte ginniche dove sono….” forse appese come scheletri in armadio.
    Volete sapere cosa succede dopo essersi Laureati , conosci il test di Conconi e tutto quello che non interessa allo sport.
    Ma se chiedi a qualche studente di scrivere un programma di allenamento
    per un atleta o per una persona che vuole rimettersi in forma non sanno da dove cominciare.
    Ed Ecco che entra il business post laurea. Organizzano corsi per personal trainer e Preparatore atletici a solo 600 € dove gli insegnanti sono o dei professori che avevi all’università oppure qualcuno che a scienze motorie non è mai andato ma che ha fatto dei percorsi con diverse federazione diventando docente.
    allora io mi chiedo conviene studiare con le università oppure seguire dei corsi che sono anche riconosciuti dal coni.

  2. luca 4 marzo 2012 at 09:10 #

    Condivido il pensiero di Fabio e amplio il discorso sottolineando come il congresso di quest’anno sia sempre in mano alle solite persone e vale a dire i medici della mapei e castagna. Di relatori che operano sul campo non vi è traccia ad eccezione della tavola rotonda. Sassi che ancora pesa le partite con la frequenza cardiaca il campo lo vede dalla panchina e gli altri i soliti suoi amici della mapei e castagna che fanno il mognoni per capire lo stato di forma di un atleta. Argomenti superati che non invogliano e possono attirare solo chi è alle prime armi. Sarebbe ora che si facesse piazza pulita di certi personaggi che sono riusciti a crearsi una credibilità attraverso sponsor e giochi di potere. Io propongo come per Sanremo una controconferenza libera trattando o meglio smontando gli argomenti che saranno trattati a firenze. Si impara molto di più leggendo il suo blog e di questo le sono grato.

  3. Emanuele 4 marzo 2012 at 10:25 #

    Se oggi mi trovo a lavorare nella seria A calcistica ed avere qualche risultato lo devo soprattutto al Prof. Colli! Non ho mai scritto pubblicamente nel suo blog,anche perché non ha certo bisogno di un mio commento a suo favore per andare avanti. La passione e la competenza che tutti i fruitori del blog stanno evidenziando non é che una parte delle sue enormi capacità. Io ho avuto la fortuna di essere un suo studente universitario e se oggi riesco a pensare con la mia testa (sbagliando molto sicuramente,ma ammettendo e sfruttando l’errore per crescere) lo devo al Prof. Quindi non posso che trovarmi in pieno accordo con quanto detto finora,vale più una chiacchierata con Colli che qualsiasi tipo di congresso o Master…

  4. alessandro fusco 4 marzo 2012 at 11:07 #

    CARI RAGAZZI SONO CON VOI, ORMAI SONO PIù DI15 ANNI CHE SEGUO ROBERTO COLLI CHE GRAZIE A DIO HO AVUTO LA FORTUNA DI CONOSCERE A TOR VERGATA DOVE GRAZIE AL PROF. BOSCO HO COMINCIATO UN PERCORSO E GRAZIE AL PROF COLLI HO AVUTO LA FORTUNA DI CONTINUARE.HO LASCIATO LA MIA FEDERAZIONE IL RUGBY DOVE COME TUTTE LE FEDERAZIONI SONO SOLO GIOCHI DI POTERE E DIRE CHE PER 15 ANNI HO VESTITO LA MAGLIA AZZURRA,MA VOLEVO CRESCERE COME PROFESSIONISTA COME SONO CRESCIUTO DA ATLETA ,IERI COME OGGI CONTINUO A SEGUIRE IL PROF. COLLI OVUNQUE PERCHè CON LUI C è SEMPRE DA IMPARARE VISTO CHE OLTRE AD ESSERE PREPARATISSIMO è MOLTO UMILE ACCETTA SEMPRE QUALSIASI CONFRONTO PECCATO CHE AL POTERE NON PIACCIONO I CONFRONTI.SEGUIAMO E SEGUITE SEMPRE IL BLOG CHE OLTRE A NON RUBARVI I SOLDI è QUELLO CHE MI E VI SERVE PER POTER CRESCERE…………..

  5. enzo renda 4 marzo 2012 at 11:32 #

    basta non partecipare a questi convegni . Continuate a seguire il professore e ringraziatelo. Penso l’importante è fare capire come ha fatto Fabio che sottovalutare l’intelligenza altrui ormai non paga. come dire ….cà nisciun è fesso!!

  6. juan 20 marzo 2012 at 12:38 #

    Buongiorno a tutti,
    complimenti per il blog, sia per la motivazione che per le finalità;
    Ho avuto il piacere di collaborare con il Prof. Colli soltanto una volta con il ciclismo, abbiamo effettuato dei VO2 max con Fitmate.
    seguo da poco questo blog dove sono incappato (fortunatamente!) da poco…credo sia molto interessante eformativo e come si evince anche da altri commenti, scientificamente valido a costo zero.
    Vorrei azzardare soltanto qualche critica spero costruttiva a livello di fruibilità web…manca di semplicità..ovvero non è molto intuibile e purtroppo gli articoli essendo utili per più discipline diventano ridondanti essendo categorizzati in più pagine…ho letto che avete appena migrato quindi ci può stare…sono convinto che come è nella vostra indole il miglioramento professionale, riuscirete a migliorare anche questo aspetto ;9
    felice di essere tra voi….auguro a tutti buon lavoro!

    • laltrametodologia 21 marzo 2012 at 10:02 #

      ciao ti ringrazio dei complimenti e ti faccio tanti auguri se stai continuando a lavorare con il ciclismo , ne hai proprio bisogno …….
      Oltre a questo stiamo provando a migliorare qualcosa , ma purtroppo non è il nostro mestiere e va molto a rilento questo miglioramento, anzi diciamo che ad oggi mi trovo piu impacciato in questo nuovo spazio ( che per voi è rimasto del tutto simile ) ma per me è più complicato anche perchè ad esempio non riesco piu a raccapezzarmi sulle statistiche che prima erano cosi chiare : quel numeretto che appare delle visite è totalmente fasullo e non riusciamo a toglierlo e mettere quello effettivo . Inoltre la pagina iniziale non è cambiata ne il modo di archiviare le cose .
      Quindi per ora accontentati dei contenuti e pazienza dovrai andarli a cercare nel dettaglio , ma non è molto difficile , e poi le cose sudate sono piu belle di quelle facili !!!
      Grazie comunque delle indicazioni , spero anche che tu possa fornirci qualche contributo sul tuo sport ;fra poco noi usciremo con un altra parte molto interessante sul modello di prestazione del ciclismo dove ,oltre a notare la necessità di allenarsi sulle variazioni , daremo anche parametri piu precisi sui tempi e potenze di lavoro e recupero durtante le gare .

s2Member®