Classificazione delle diverse espressioni di forza (1a parte)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

CLASSIFICAZIONE DELLE DIVERSE ESPRESSIONI DI FORZA

Argomento molto complesso e soprattutto che va riarticolato quando abbiamo capito negli ultimi 15 anni che il muscolo è soltanto un effettore di movimento, e che è sottoposto al dominio del sistema nervoso centrale e non può essere trattato come in laboratorio (cioè isolato) ma va contestualizzato in rapporto al movimento.
Per molto tempo abbiamo avuto tutti la necessità di conoscere il massimale di un esercizio, quando invece il segreto era nella durata di questo esercizio, che poteva farci evitare rischiosi test massimali. A questo nuovo punto di vista va però legato tutto il passato, che riguarda soprattutto le variazioni ormonali che intervengono a breve e medio termine dopo allenamenti a diversificate espressioni di forza, sia in termini acuti che cronici.
E poi la forza, ma quale espressione: esplosiva, reattiva, massima, dinamica massima? E in rapporto a quali sport?
Nel ciclismo come nel kayak parlare ad esempio di forza reattiva e di pliometria non ha alcun senso, mentre negli sport antigravitari è quasi l'unica espressione di forza che viene applicata nel movimento tecnico.
Abbiamo solo iniziato: il prossimo capitolo sarà dedicato maggiormente appunto alla forza reattiva e se mi permetterete anche un po' alla sua storia nella metodologia di allenamento e agli inevitabili adattamenti (a volte molto intelligenti e pragmatici) che il concetto teorico di partenza di questa espressione di forza ha dovuto subire. Il tutto naturalmente dal mio punto di vista…

3 Responses to Classificazione delle diverse espressioni di forza (1a parte)

  1. pietro 12 aprile 2012 at 18:26 #

    PROF GRANDISSIMO AUDIO-VIDEO VALE MOLTO PIU’ DI TANTI LIBRI LETTI, FATTO CON GRANDE SEMPLICITA’ ,COMPETENZA E COMPRENSIBILE ANCHE AD UN BAMBIMO DI 5 ANNI CONTINUATE AD ILLUMINARCI SEMPRE. PIETRO LA PORTA

  2. Giuseppe Lopetuso 13 aprile 2012 at 10:19 #

    Fondamentale per comprendere come organizzare i lavori sulla forza negli sport…..a tal proposito, allenare la forza massima nel basket ha senso?
    Anche una domanda legata all’uso del blog: è possibile evitare di copiare ogni volta la password per commentare gli articoli?
    Grazie!

  3. fabio 15 aprile 2012 at 12:03 #

    ancora una volta grazie !

s2Member®