Analisi del 4>4 della categoria giovanissimi e rapporto con altre categorie giovanili (Fucci, Surico, Landaida)

 

Un nuovo contributo molto interessante di Armando Fucci in collaborazione con Nico Surico e l'allenatore Manuel Landaida, dove dapprima si analizza l'impegno metabolico durante una esercitazione di 4>4 con jolly su un campo di 53 x 41 m, e poi la si mette in rapporto con quella di altre categorie giovanili, tramite principalmente l'indice di distanza equivalente. Credo che questo approccio sia molto corretto ed importante perché ci consente di capire se il carico di certe esercitazioni risulta troppo gravoso per alcune età.
È anche il primo passo che potrà essere seguito all'analisi dello spazio coperto in lunghezza e larghezza, appena riuscirò a terminare il software!!!
Buon audivideo, ed ancora un grazie ad Armando che dimostra un entusiasmo da ragazzo nell'afforntare queste nuove problematiche create dall'uso del GPS e dalla possiblità di valutare molti parametri per comprendere bene se stiamo andando verso una efficentizzazione dell'allenamento. Tutto ciò non può non coinvolgere anche degli allenatori in questa nuova frontiera dell'allenamento, e cambiare il ruolo del preparatore fisico che deve conoscere il calcio e non insegnare ai calciatori il valicamento dell'ostacolo!!! Buon ascolto.

8 Responses to Analisi del 4>4 della categoria giovanissimi e rapporto con altre categorie giovanili (Fucci, Surico, Landaida)

  1. claudio 20 novembre 2012 at 12:55 #

    ciao armando, grazie per questo supporto audio-video, nei settori giovanili è difficile fare ricerca e questo è un merito che ti va riconosciuto, io lavoro spesso con un 8 c 8 + 2 giolly per il tempo di 45’in un campo 40x 50, ho notato che oltre a lavorare in fascia 4 e 5 non ho mai cali durante la partita, mi piacerebbe confrontare il carico metabolico tra questo metodo e il tuo…potresti provare anche tu? In bocca al lupo per i tuoi lavori e ci vediamo per la partita Benevento-Foligno.

    • Armandofucci 20 novembre 2012 at 13:45 #

      Claudio mi fa piacere che apprezzi il lavoro che abbiamo fatto.
      In relazione agli 8vs8 in un campo 40x50mt abbiamo gia’ fatto delle refistrazioni con gps, pero’ la potenza metabolica non era ottimale, questo perche’ sono pochi i metri quadrati a disposizione x ogni calciatore. Comunque se hai rilevato che a livello cardiaco i valori sono buoni, rientrando nella fascia 4 e 5 ( 80-100% della fcmax) gia’ e’ una buona cosa.
      Il discorso e’ diverso se osserviamo anche gli aspetti neurogeni ( % distanza equivalente, accelerazioni,decelerazioni, indice anaerobico); in questo caso possono anche emergere valori interessanti.
      Comunque se riesco a testare il tutto vi faccio sapere.

  2. pietro la porta 20 novembre 2012 at 22:19 #

    Ottimo audio-video sopratutto perche’ rende sempre piu’ l’idea di cosa sia l’alta intensita’ per molto tempo decantata ma mai capita fino in fondo.Il confronto tra categorie lo trovo importantissimo poiche’ da un quadro generale delle reali capacita’ dei giovani atleti inoltre credo che questo blog valga molto piu’ di tanti libri letti in giro ma questa e’ solo divagazione sul tema.Complimenti prof e continuiamo sempre non molliamo la strada tracciata dal prof colli. a presto pietro.

    • armandofucci 21 novembre 2012 at 10:48 #

      Grazie Pietro . Fa’ piacere che il nostro comtributo susciti interesse. Quello che e’ importante sottolineare e’ che questi dati emersi con i giovani sono utili anche per le prime squadre. Forse dico una cosa scontata ma importante.

  3. giorgio zito 21 novembre 2012 at 16:11 #

    Ho sempre pensato che nei settori giovanili si deve lavorare con serietà e grande competenza.
    Questi tuoi contributi audio-video sono certo che aumenteranno le competenze di tutti noi.
    Grazie e Complimenti a tutti voi !!!
    Un saluto giorgio

    • armandofucci 21 novembre 2012 at 22:03 #

      Giorgio grazie per i complimenti. Sicuramente ci stimolano ad andare avanti per cercare di capire sempre di piu’. Naturlmente il primo ringraziamento va a Colli che ci stimola sempre con i suoi studi e le sue intuizioni permettendoci inoltre di confrontarci.

      • Giorgio Zito 22 novembre 2012 at 15:53 #

        Caro Armando,
        hai perfettamente ragione grazie a Roberto Colli tutto questo sta accadendo e lui è il primo che ci insegna a metterci in discussione in maniera proficua.
        Osservatore critico, analista, metodologo, studioso ….. un Vero Grande Prof.
        Buon lavoro e un saluto affettuoso !!!!
        Giorgio

  4. Geniale Sicoli 22 novembre 2012 at 08:11 #

    Grande prof, complimenti x l’audio video, nei settori giovanili è sempre difficile trovare valori di riferimento sia x l’aspetto metabolico che neurogeno. Questo contributo sicuramente accrescerà le conoscenze di tutti noi.
    Grazie. a presto

s2Member®