Andamento della prestazione fisica e dei suoi parametri di squadra durante l’anno di campionato (3a parte)

L'audiovideo ed il PDF  è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata e non verranno accettati iscrizioni alla pagina facebook senza la regolarizzazione della quota di sottoscrizione.

Non verrà data alcuna risposta alle email, commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

La rivista Scienza & Sport, visto che vivo in campagna mi arriva con molto ritardo: venerdì scorso ho raccolto la preziosa pubblicazione giunta al n.24 e ho puntato qualche articolo, non tutti per carità; ho visto un articolo sulla video match analisi (lo dico all'italiana perche non mi ricordo mai dove cazzo va messa la y!!!) e mi sono precipitato a leggerlo.

L'autore Agostino Tibaudi debbo dire che lo avevo apprezzato per alcuni suoi spunti di riflessione sui Cambi di Direzione che in nuce contenevano degli elementi interessanti e innovativi anche per l'allenamento. Mi sembrava un attento osservatore fuori dai pregiudizi, tanto che citava anche nei suoi vecchi lavori qualche cosa che avevo quantizzato anch'io su questo argomento e lo avevo visto ad un nostro seminario sulla forza funzionale del calcio.

Quando ho letto i contenuti della VMA (sigla tanto per fare un po' di confusione) mi sono cadute veramente le braccia per lui, ma debbo dire che dopo qualche minuto di scoramento per la poverta dell'esposizione, mi sono anche consolato valutando che ci sono circa 3 anni di ritardo con quello che sto studiando. Meglio così.

Per un lettore superficiale sottolineo alcune cosette:

a) ancora un'analisi sulle distanze e ancor più sugli sprint oltre 20-25 km/h, infatti è citato ancora Di Salvo in bibliografia quando quel lavoro andrebbe stracciato;

b) esistono CdD maggiori di 100 gradi a oltre 21 km/h? spero sia un refuso... se non ricordo male si fa fatica a trovarne uno a 14-15 km/h perché ahimè bisogna frenare per cambiare direzione a quegli angoli;

c) ancora la suddivisione sulle accelerazioni in valore assoluto quando, ripeto, se accelero a 2m/s^2 sto quasi al massimo se sto a 12-14 km/h, mentre se sto fermo l'accelerazione è modestissima;

d) il microciclo settimanale descrittivo con il lavoro del GPS con il maggior giorno di carico del martedì con la partita la domenica???

e) una ricerca di una cosa impossibile: il legame tra il gol segnato e la prestazione fisica, ma nessun accenno alle reiterazioni. Forse io non sono in grado di capire, ma gli indici di efficienza fisica e di performance sono un po' renziani.

f) una bibliografia che oltre a citare i soliti noti (per dovere di ospitalità!) che ancora non hanno ben capito cos'è la potenza metabolica, è ferma a 4 anni fa;

Sono tornato indietro perché mi sono detto, forse è la prima parte di una serie di articoli su questo argomento, ed invece no, argomento secco.

Beh, visto che da poco su questa rivista hanno pubblicato uno studio pilota sui GPS senza la potenza e sulla match analisi, e il livello è questo, posso anche smettere di fare audiovideo per tre anni circa e voi avete tutto il tempo per leggerli e studiarli ed essere all'avanguardia sul modello prestativo del calcio in molte variabili fisiche, tecniche e tattiche.

Con questo di oggi assolutamente dedicato solo ai sottoscrittori termino la parte riguardante l'andamento durante l'anno dei diversi parametri della videoanalisi che ci danno una interpretazione dello stato di condizione della nostra squadra, non più legato solo ai parametri fisici ma anche a quelli tecnico-tattici che lancia l'ormai ex preparatore fisico in una dimensione molto più tecnico-tattica, con un notevole ampliamento delle sue potenzialità metodologiche e non più legate genericamente al fitness del calciatore.

Faccio mea culpa, ho assolutamente tradito il titolo, perché pensavo di parlare anche di andamento individuale ma rimando a qualche successivo audiovideo questo argomento, anch'esso secondo me molto importante e foriero di cambiamenti nella strategia valutativa del singolo.

Comments are closed.

s2Member®