Gli allunghi nella partita di calcio e nell’allenamento: necessità o abitudine?

 

 L'audiovideo  è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata e non verranno accettati iscrizioni alla pagina facebook senza la regolarizzazione della quota di sottoscrizione.

Non verrà data alcuna risposta alle email, commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

 

Oggi torniamo al calcio, è circa un mese che non ne parliamo e ci sarà qualcuno in crisi di astinenza: faccio presente però che tornerò ancora a parlare di forza resistente e farò anche un audiovideo prima di natale sull'allenamento intermittente, per riprendere qualche concetto visto che non ne parliamo da diversi mesi. Mi occupo di allenamento intermittente dal 1985 circa e quindi a volte non mi rendo conto che ancora i suoi parametri e come organizzarlo non sia ben compreso. Certo è che se faccio riferimento agli articoli di Rampinini su questo argomento sono fuori strada completamente. Bisogna viverlo quotidianamente per saperlo manipolare, non bastano quattro cazzate parzialissime lette su Medline, e poi è necessario far riferimento allo sport che si pratica: ad esempio nel nuoto con accelerazione bassa si puo giocare anche sui recuperi di 5", nel ciclismo invece dove dobbiamo accelerare molto non possiamo che scegliere il massimo del recupero consentito etc.

Oggi invece vorrei portare l'attenzione su uno dei cavalli di battaglia dei preparatori atletici vintage e cioè gli allunghi, questo magico esercizio che migliorerebbe la tecnica di corsa dei nostri calciatori? Vabbè lasciamoli dire. Vi porto un po' di numeri riferiti all'esecuzione di questi gesti visti con il GPS e poi a quello che succede in partita, in modo che ognuno si faccia una sua idea.

Voglio ringraziare Dario Pompa e Matteo Basile che mi hanno suggerito indirettamente questo argomento, spero che aiuti meglio nella comprensione dell'attività rettilinea del giocatore e fornisca anche all'allenatore un'idea più precisa di come si muovono i giocatori nei diversi ruoli in campo su questo specifico argomento.

2 Responses to Gli allunghi nella partita di calcio e nell’allenamento: necessità o abitudine?

  1. Marco Galluccio 11 dicembre 2014 at 22:43 #

    Complimenti per la precisione e la chiarezza dei dati. le 5 partite analizzate sono gare ufficiali? che serie?

    • laltrametodologia 12 dicembre 2014 at 10:11 #

      si sono 5 partite di serie A ufficiali videoanalizzate

s2Member®