IL 14 maggio Dario Pompa a Firenze parla di potenza metabolica ,Colli il 23 maggio a Brescia parla agli allenatori di modello prestativo e delle fesserie dette dai commentatori televisivi di calcio

Seminario di Pompa a Firenze il 14 maggio 2016 su potenza metabolica e calcio

Continuando su questa strada dell'aggiornamento perpetuo segnalo a tutti che Dario Pompa insieme al collega Sinatora sarà a Firenze questo sabato pomeriggio 14 maggio 2016 all'università di Firenze che si trova presso l'ospedale Careggi (si entra al Nuovo ingresso Careggi  ) parlerà di potenza metabolica e allenamento nel calcio , e se proprio volete fare una vista a Firenze fatela sabato non Lunedi .....

 

 

Non è ancora pronta invece la locandina del seminario che terrò agli allenatori all AIAC di  Brescia il 23 maggio

Sede : Ristorante Il Moro via Aldo Moro n.30 Brescia

Il modello di prestazione tattico,tecnico e fisico del calcio per calibrare meglio l’allenamento settimanale con l’ausilio del gps ( oltre le stupidaggini e l’incompetenza dei commentatori televisivi ).

Ripeto che è per gli allenatori non per i preparatori : se qualcuno della zona è interessato me lo scriva per email (info@laltrametodologia.com) che gli mando l'indirizzo dove iscriversi

Nei prossimi giorni il dettaglio e le modalità di iscrizione anche dei seminari di Roma del 18 e 19 giugno comunque confermati senza dimenticare che il 4 & 5 giugno saremo in parecchi a S.maria a Vico al seminario di Fucci

 

Durante e dopo il seminario di Cuzzolin a Roma sabato 7 maggio , in moltissimi mi avete chiesto un parere su di esso . Premesso che come gia sapete non ho assolutamente in simpatia il personaggio per tanti motivi , reputo intanto che sia stato come sempre un grande momento di approfondimento culturale che ti obbliga sempre a pensare e rivedere le tue scelte ed esperienze , confrontando il tuo percorso . Quando Cuzzolin parla e soprattutto ti fa vedere gli esercizi ( perchè la parte pratica è sempre di grande interesse e lui dimostra benissimo ) fai fatica a non aver voglia di provare subito le sue proposte .

Secondo il mio modesto parere alcune domande finali hanno posto delle questioni irrisolte delle proposte di Cuzzolin su cui marginalmente non mi ha convinto , come ad esempio se questo è un tutto o una parte , dove collocarle ,ed anche come definire le diverse espressioni di forza  presenti nelle proposte , e che rapporto hanno con altri aspetti della preparazione fisica nel basket . Si perchè dobbiamo  sempre ricordarci che questa è una esperienza che va bene al basket , e soprattutto se posso dire per la difesa nel basket , quindi è una proposta molto settoriale  che sta poi all'operatore di smontare , rimontare e diversificare esercizi che abbiano una maggiore attinenza con i movimenti specifici degli altri sport .

Naturalmente  ho avuto qualche  spunto interessante anche dalla sua parte teorica , ma non mi ha convinto la classificazione , come invece molto interessanti alcune altre sue diapositive dove si mostra che negli esercizi il carico è solo una parte della difficoltà (un vero peccato non aver avuto le diapo ma la commercializzazione qui ha sovrastato la voglia di diffondere  la cultura , ma siamo tornati al vecchio sistema che uno se le ricopia a penna  su foglio ) e questo , gia presente da anni anche nelle mie modeste affermazioni ,sarà oggetto anche di un mio ulteriore  approfondimento come sul concetto di automatismo che non mi trova neurologicamente d'accordo .

Penso che alcune sue esercitazioni proposte sabato  le studieremo piu a fondo al seminario a roma del 18 giugno con l'aiuto di pedane dinamometriche e strain gauge e proveremo a dare qualche risposta irrisolta . Ribadisco che se penso che il 16 maggio in molti andranno a sentire a 100 euro Castagna e D'Ottavio a Firenze al seminario AIPASS , oppure a sentire gli interventi  di 10 minuti di altri colleghi che non faranno in tempo a presentarsi che hanno già finito la relazione  , tutta la vita sto con Cuzzolin ( anche se a 100 m di  distanza ) e con l'APF (Accademia Preparatori Fisici ) che ha organizzato l'evento perchè mi riconosco in questo modo di fare cultura nella  nostra professione   .

 

 

Comments are closed.

s2Member®