(iso)Inerziale nello squat : confronto con lo squat classico

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Gia il nome isoinerziale non mi ha mai convinto , anche isotonico mi ha sempre lasciato perplesso , (meglio isocarico e basta visto che cambia la forza ( il tono ) durante la stessa contrazione). L'unico corretto è isocinetico vista la velocità costante durante tutto l'arco del movimento (anche se di fatto è il peggior allenamento possibile ) . Ma siamo terra di conquista ."L'allenamento desmodromico o isoinerziale" (proposto da Tesch e Berg credo nel 94 per l'allenamento degli astronauti) "sfrutta un ingegnoso sistema per generare una efficace resistenza allenante che prescinde dalla forza di gravità, come invece accade comunemente nell'impiego dei sovraccarichi. In questo caso si sfrutta l'inerzia di un volano attivato grazie alla forza muscolare " da www.non solo fitness) Non comprendo proprio il termine ISO ...Comunque bando alle pippe mentali ed oggi vi presento un altro audiovideo maratona che cerca di andare nel profondo del sistema (iso)inerziale . Questa prima parte ( eh si è solo la prima parte ) vi da il rapporto tra la velocità esecutiva del movimento (misurata tramite la nostra nuova piattaforma inerziale IMU legata al gps ) e la EMG , mentre nella seconda parte tratteremo soprattutto la forza espressa ed il costo energetico di questa specifica esercitazione, visto per adesso solo nell'esecuzione dello squat e come si differenzia rispetto allo squat con sovraccarico . Nel titolo , anche se oggi non se ne parla vedremo anche come due soggetti differenti producono risposte differenti a seconda della loro esperienza esecutiva , che deve sempre essere il riferimento per l'operatore che usa questo macchinario . Poi in un altro audiovideo parleremo di come questa metodica possa essere utilizzata per le accelerazioni orizzontali specifiche ( altro che elastici !!!)

Comments are closed.

s2Member®