Author Archive | laltrametodologia

Ma l’equazione di Minetti è valida sempre 2 parte ( Colli,Basile,Lucarini)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Ancora analisi critica sul reale costo energetico delle frenate : riusciremo a trovare una soluzione ? Noi ci stiamo provando ......

Ma l’equazione di Minetti è valida sempre ? (1parte a cura di Colli,Lucarini,Basile)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Ma siamo sicuri che in tutte le situazioni di accelerazioni , frenate e alte velocità non sia migliorabile l'equazione di Minetti ? dopo 6 anni di onorato servizio forse abbiamo la possibilità di perfezionare i dati che escono dal gps filtrati da questa equazione . Fino ad oggi i gps hanno fatto la rivoluzione , forse adesso possiamo diventare anche più precisi nell'analisi del carico interno . I gps sono diventati migliori , anche a 50 hz ma chiaramente ad esse sfugge la prestazione individuale e soprattutto la spesa energetica per la parte tecnica : pensate ad un tennista che sta fermo sul posto e colpisce la palla ogni 2" facendola viaggiare ad oltre 100 km/h : per il gps la spesa è zero (non si muove !!) per i muscoli invece no . Addentriamoci in questa nuova analisi che ci porterà a perfezionare di molto l'analisi della spesa energetica durante soprattutto gli esercizi in spazi stretti dove tocco molte volte la palla e dove accelero e decelero soprattutto molto spesso .

Front , Back e Goblet squat a confronto ( 2 parte a cura di Colli Lucarini Lopetuso )

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Oggi affrontiamo anche nel dettaglio il Goblet squat : ho visto nascere un bel dibattito sulle sue modalità di utilizzo e debbo dire che mi sono perso qualcosa . Qui ,voglio esprimere la mia valutazione su ciò che penso di conoscere basandomi su molti dati raccolti adesso ma anche negli anni , ma anche sull'esperienza pratica e sull'osservazione ( anche i filmati di oggi sono sicuramente di aiuto ) . Naturalmente sono disponibile a mettere sul blog contributi che esprimano anche opinioni diverse , sempre suffragate da esperienze e dati che aiutino il dibattito . Faccio presente che dalle mie informazioni sono sicuro che una buona fetta di preparatori usa sistemi a bassa velocità esecutiva per non infastidire i giocatori in sala pesi , sicuri di non creare alcun danno , ma l'allenamento dov'è ??

Front e back squat e dintorni a confronto ( Colli Lucarini Lopetuso)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Ultimamente la mia attenzione è caduta su alcune figure che vengono girate per Facebook sopratutto dove vengono abbinati gli esercizi di squat ( back e front in questa parte )e le sue varianti soprattutto a un lavoro enorme sui glutei . Riporto in quest articolo una parte di lavoro che stiamo facendo con Luigi Lucarini e Giuseppe Lopetuso che da indicazioni molto diverse su questi esercizi e tra l'altro collima molto con quello che personalmente ho visto in quasi 40 anni di lavoro . Successivamente confronteremo queste azioni con altri esercizi tipo lo squat overhead e lo stracco da terra e cercheremo di toglierci altre curiosità valutando cosa succede con carichi diversi , con esecuzione balistica o finendo sull'avampiede .E poi se riusciamo analizzeremo la "grande novità" del Goblet Squat

Dagli affondi cari a Tito Boeri a quelli per sportivi ( a cura di Lopetuso_Colli)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

A volte sembra incredibile come si dia a certi esercizi molto blandi una valenza per sportivi . Tutto torna nel momento in cui volgiamo avere un approccio soft , che di fatto può andar bene agli anziani come me ( e quindi il riferimento a Tito Boeri e all'INPS mi sembra d'obbligo ma quando parliamo di sportivi che svolgono anche prestazioni di alto livello la ginnastichina ha poco effetto , se non quella di ingraziarseli e non dargli fastidio . Per il miglioramento prestativo sono convinto che ancora non si siano esplorate tutte le strade per aumentare la performance della nostra muscolatura ,vengono ancora battute solo le strade del grande sovraccarico ( necessario in una fase di costruzione , ma da usare con molta piu accortezza nello sviluppo della performance ) e chi fa questo si definisce esperto della forza , dimenticandsi che la forza ha diverse espressioni di erogazione e che quelle esplosive e reattive sono le piu presenti in quasi tutti gli sport di squadra ad esempio . oppure ci sono gli esperti di alzate olimpiche che hanno una tecnica sopraffine , ma tale tecnica è completametne inutile agli sport di squadra , visto che non ci sono fasi balistiche . Allora la strada è quella della postura , dove i movimenti vengono svolti a bassa intensità , possono avere uno scopo in fase riabilitativa ma per uno sportivo diventano un semplice riscaldamento e non hanno alcun effetto sulla loro performance . Voglio ringraziare Lorenzo Verrigni e soprattutto Giuseppe Lopetuso per il grande lavoro che stanno svolgendo che ci consente di sviscerare a fondo tanti esercizi e soprattutto le loro varianti , che è il vero pane per chi opera con sportivi di buon livello

s2Member®