Archive | All. Funzionale

Come eseguire lo squat in rapporto alla prestazione

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Adesso con facebook e gli altri mezzi di comunicazione ognuno che da la propria ricetta di come si fa la forza ( senza mai aggiungere quale espressione ) . Invece non c'è nessuna ricetta preconfezionata , ogni sport e ogni atleta del singolo sport ha le sue necessità . Lo confesso a 64 anni ho finalmente avuto la possibilità di analizzare un weight lifter di buon livello ( studiatevi cosa è la potenza prima di definirli erroneamente power lifter che non lo sono in quanto se alzi un massimale la potenza è bassissima ) . E quindi esattamente come era successo quasi 20 anni fa con i culturisti del prof Massaroni , ho avuto l'illuminazione che tutto quello che io credevo andasse bene per tutti era sbagliato per loro . Nella prima parte degli anni 2000 avevo cominciato ad impostare il mio lavoro con i sovraccarichi in funzione della velocità dello spostamento del bilanciere ( tanto da nominare ERGOSPEED un ergometro a filo costruito insieme all'ing La Gala ( si quello dei gps di adesso ) pensando che questo avrebbe sostituito la ricerca del massimale effettivo attraverso il numero di ripetizioni fatte (il Brzckyi o come cazzo si scrive non me lo ricordo piu , sembra di stare a quei giochi a premi dove compri una vocale !!!) . Questo che adesso qualcuno chiama Velocity based training e se ne attribuisce la paternità gli ricordo di andare a leggersi la tesi di dottorato di Marcello Cipriani ( coautore dell'audiovideo di oggi) che la presentò nel 2008 !! Tale sistema risulta ancora valido per chi decide di sviluppare una azione con i sovraccarichi a velocità massimale per tutto l'arco di movimento ,che è quello che giustamente non fanno i wight lifter e che ho imparato proprio l'altro giorno ....

Dagli affondi cari a Tito Boeri a quelli per sportivi ( a cura di Lopetuso_Colli)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

A volte sembra incredibile come si dia a certi esercizi molto blandi una valenza per sportivi . Tutto torna nel momento in cui volgiamo avere un approccio soft , che di fatto può andar bene agli anziani come me ( e quindi il riferimento a Tito Boeri e all'INPS mi sembra d'obbligo ma quando parliamo di sportivi che svolgono anche prestazioni di alto livello la ginnastichina ha poco effetto , se non quella di ingraziarseli e non dargli fastidio . Per il miglioramento prestativo sono convinto che ancora non si siano esplorate tutte le strade per aumentare la performance della nostra muscolatura ,vengono ancora battute solo le strade del grande sovraccarico ( necessario in una fase di costruzione , ma da usare con molta piu accortezza nello sviluppo della performance ) e chi fa questo si definisce esperto della forza , dimenticandsi che la forza ha diverse espressioni di erogazione e che quelle esplosive e reattive sono le piu presenti in quasi tutti gli sport di squadra ad esempio . oppure ci sono gli esperti di alzate olimpiche che hanno una tecnica sopraffine , ma tale tecnica è completametne inutile agli sport di squadra , visto che non ci sono fasi balistiche . Allora la strada è quella della postura , dove i movimenti vengono svolti a bassa intensità , possono avere uno scopo in fase riabilitativa ma per uno sportivo diventano un semplice riscaldamento e non hanno alcun effetto sulla loro performance . Voglio ringraziare Lorenzo Verrigni e soprattutto Giuseppe Lopetuso per il grande lavoro che stanno svolgendo che ci consente di sviscerare a fondo tanti esercizi e soprattutto le loro varianti , che è il vero pane per chi opera con sportivi di buon livello

Tafani : prestazione ed allenamento (4 parte)


L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

E con questo completiamo la trilogia di Fabrizio Tafani su prestazione ed allenamento ringraziandolo per l'ottimo contributo sia in termini concettuali che pratici .Vi avviso anche che sembra finalmente pronto il GPS bluetooth con Piattaforma inerziale integrata che avrà quindi anche la funzione di misuratore di velocità orizzontale e sostituirà di fatto l'ergospeed a filo con la possibilità di visualizzare anche le azioni libere . Credo che il prossimo audiovideo lo dedicheremo a vedere cosa si può misurare e come , e raccoglieremo anche le vostre idee già ieri parlando con Glauco Ranocchi ed Andrea Radogna ci sono venute delle ottime idee per provare il suo utilizzo nella pallavolo , vediamo se le idee funzioneranno anche nella pratica ...... ,nel basket con Giuseppe Lopetuso e Silvio Barnabà faremo delle rilevazioni abbinate ad altri strumenti in settimana nel basket per valutare delle azioni tecniche e siamo molto curiosi .........

Tafani : prestazione ed allenamento (3 parte)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

E' passato tutto un po sotto silenzio ma il 24/10/2011 cioè 6 anni fa abbiamo dato il via alla rivoluzione della potenza metabolica proposta da Di Prampero tramite un impegno materiale e culturale che ha spazzato via ormai i cultori delle ripetute sui 1000 che rimangono presenti in gruppo sparuto solo nella serie A e a Coverciano naturalmente, altri senza che nessuno se ne accorgesse o li rimpiangesse sono spariti del tutto .Gli argomenti che anche oggi Fabrizio Tafani tratti con molta dovizia di particolari pratici sono il segno dei tempi . Oggi infatti arriviamo all'esplicazione pratica dei concetti esposti nelle prime due parti con molti esempi e tanti dati che ci aiutano a capire meglio cosa Fabrizio insieme al suo allenatore applica nel quotidiano dell'allenamento .

Costo energetico Forza ed EMG nello squat : 5 (e ultima !) parte


L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Termina oggi ,dopo un mese di ampie tribolazioni da parte vostra ,la saga sull'esperimento di controllo dell'allenamento con i sovraccarichi che abbiamo condotto insieme a Dario Pompa ,Giorgio Zito e Andrea Radogna a Firenze il 9 maggio 2017 grazie alla disponibilità della palestra Dolce Stil Novo e del suo direttore Carlo Laface ( con appendice a Lamezia Terme da Francesco Veltri ) . Vi voglio solo dire che questa è la punta dell'Iceberg di un lavoro 10 volte piu ampio che abbiamo prodotto in questi mesi estivi con la partecipazione tra gli altri di Luigi Lucarini e Valerio Zuddas e che ci sta dando tante indicazioni metodologiche come non le vedevo da anni , combinando insieme almeno due sistemi di controllo come EMG e Gps,oppure EMG e pedane dinamometriche o accelerometri Bluetooth, che possono indicarci carico esterno e carico interno anche dentro delle vere e proprie sedute di allenamento . Insomma ci saranno molti altri audiovideo su questo argomento , quindi "FATEVENE UNA RAGIONE !!!"

s2Member®