Archive | Basket

Il pendolo: applicazioni pratiche e sequenzialità (Barnabà-Colli)

(autori Silvio Barnabà-Roberto Colli) ANZITUTTO VOLEVO SPECIFICARE - PERCHÉ NEL FILMATO NON VIENE DETTO - CHE ABBIAMO USATO UNA PALLA DA BASKET ZAVORRATA CON CARICO VARIABILE, ALTRIMENTI SAI DOVE VA A FINIRE...
Mi rubo un po' di merito del lavoro di Barnabà perché effettivamente ha comportato lunghe discussioni sull'argomento per specificarlo meglio. Se scorriamo qualche libro già negli anni '70 e poi negli anni '80 da Yuri Verkhoshansky troviamo alcune proposte di lavoro similari, ma credo che abbiamo fatto un'operazione di approfondimento e di funzionalizzazione che chiaramente deve essere poi completata da ciascuno di voi.
Vi ricordo che esiste un altro video su questo argomento che spiega (o ci prova) i presupposti di questo utlissimo attrezzo, anch'esso di costo minimo rispetto al Tesys o altre amenità del genere. Un'ottima applicazione di questo attrezzo viene fatta ad esempio anche per i portieri di calcio, alcune per i tennisti, oltre che giocatori di volley e basket, sport dove a mio avviso risulta un attrezzo fondamentale, grandemente per il lavoro sopra la testa che risulta decisivo - anche se in misura diversa - in entrambi gli sport!

L’allungamento post allenamento: alcune proposte di Casella



L'audiovideo e il PDF sono per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.
Se sei già sostenitore, effettua il login.

Oggi riportiamo, dopo alcune modifiche ed integrazioni soprattutto video, gran parte dell'incontro tenuto da Christian Casella con una decina di partecipanti ad inizio luglio al campo del Tor Di Quinto (dove ho saputo che qualcuno di mia conoscenza ha cominciato a farsi spazio nel mondo calcistico oltre 30 anni fa tramite amicizie sicuramente non al di sopra di ogni sospetto, che oggi sarebbero plurisqualificati per gli imbrogli perpetrati con arbitri etc). Tratteremo in maniera libera e molto interattiva alcuni argomenti conosciuti come appunto l'allungamento ed il rilassamento post allenamento.
Penso che avere un'idea ed alcune conoscenze tecniche - anche di questo argomento risulta importante proprio al fine di evitare di considerare l'allenamento solo fatica e carico - ma anche ricercare strumenti che evitino o ci consentano di ridurre gli infortuni sia acuti ma soprattutto cronici, consentano un corretto e rapido recupero tra un allenamento e l'altro, e considerino sempre l'individuo come una sintesi funzionale e non un insieme di muscoli, cuore e polmoni, sudore e basta.

Tavola sinottica del GPS: come interpretare la distanza equivalente e la % anaerobica


tab distanza equivalente
Voglio continuare a fornire delucidazioni in merito ad alcuni parametri della tavola sinottica del GPS, visto che in molti me lo chiedete e debbo anche dire che in molti mi avete scritto personalmente per dare il vostro apprezzamento sull'audio video sulle acc e dec. Naturalmente vi invito ad essere più presenti in community, mettendo le vostre perplessità ed approfondimenti sul forum, perché credo che si diventa grandi quando si pensa che si può ricevere un aiuto da qualcuno, o si pensa che dicendo la propria esperienza si può aiutare un collega.
A questo audiovideo, che lascio aperto al pubblico, allego anche (nella sezione Mondo GPS) una tabella per poter facilmente esercitarvi su come si ricalcola la distanza equivalente, in modo che diventi un concetto operativo e non solo teorico.
Farò un altro audiovideo sull'approfondimento dei CdD, se pensate ci sia bisogno di altri approfondimenti, scrivetelo nel forum.

Che test metabolici fare in precampionato: 1a risposta a Troisi


L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.
Se sei già sostenitore, effettua il login.
Parzialmente risolto il problema dello scarico dell'audiovideo grazie all'intervento del blogger che mi ha soccorso tempestivamente Mi impegno solo per farvi notare che abbiamo superato le 200 mila visite dal 24 ottobre, significa che in 256 giorni di vita del blog i visitatori medi sono stati quasi 800 al giorno!!!

Navetta 20+20 max: dove prendere i tempi del CdS (2a parte di Dario Pompa)

Un modestissimo ricordo: oggi era la data del compleanno di Carmelo Bosco, 4 luglio e avrebbe compiuto 69 anni, non voglio immaginare la sua rabbia se vedesse cosa sta succedendo adesso a Tor Vergata, dove mercanti nel tempio propalano cose contro cui lui si è battuto tutta la vita e dove opera un suo errore di valutazione, che lo ha tradito nel più intimo del suo pensiero per trenta denari.

Inoltre avrei intenzione di sviluppare, su richiesta di alcuni di voi, un mio percorso di quali e quando fare i test nel calcio (idee che vorrei commentate e criticate da chi sta più sul campo di me, almeno ultimamente dato l'ingombro anteriore), oltre ad alcune direzioni di come pensare di sviluppare in preparazione le esercitaizoni metaboliche e quelle dedicate alla forza, con una progressione. Non faccio un diario giorno per giorno ma alcune logiche (secondo me) progressioni e mi aspetto contributi da Armando Fucci, da Vito Azzone, da Matteo Basile, Emanuele Marra e tanti altri che dimentico e chiunque altro voglia "esibirsi". Fatemi sapere con un commento sul blog se lo reputate interessante oppure no e aggiungete indicazioni e direzioni di lavoro, e soprattutto se volete dire la vostra per criticare i vecchi tromboni come me (almeno io sono vecchio, altri sono tromboni e basta!)

Oggi la seconda parte della tesi "autoprodotta" di Pompa del master del calcio a Pisa, quello che secondo gli autori dovrebbe aprire le porte di Coverciano: in pratica così si obbliga chi vuole accedere al corso prep. atletici del calcio dove vi parlano solo di Helgerud, di ripetute sui 1000 e ben poco di forza funzionale ed applicata, magari però vi ammazzano con la statistica, a spendere circa 6000 euro tra viaggi e retta del corso. Diciamo che era meno costosa la raccomandazione, o meglio, adesso la raccomandazione te la chiedono in moneta direttamente quelli che dirigono il corso e poi faranno lezione, direi che definirla una irregolarità anche etica è molto riduttiva, ma oggi fa caldo e non mi voglio accalorare di più.
L'altra cosa singolare di questo master pieno di fuochi di artificio ma di una debolezza didattica complessiva elevatissima (vedi tesi ed argomenti trattati a lezione molto riduttivi, naturalmente con qualche buona eccezione di personaggi che stanno sul campo e dicono qualcosa di effettivamente nuovo ed applicabile) è che fino ad oggi questo viatico non molto "etico" ma millantato non si è ancora realizzato, sarà quindi vero e varrà la pena spendere tutti questi soldi per poca cultura e molta illusione??

Come quei poveracci che hanno fatto il master a Tor Vergata e non sono neanche stati informati che esiste il calcolo della potenza metabolica, anzi li ringrazio perché poi questi stessi corsisti vengono da me a chidermi privatamente di cosa si tratta e ne escono affascinati ed affranti per aver buttato i soldi per la frequenza al Master, non potete capire che soddisfazione

Dopo il solito sfogo mattutino (vorrei dire qualcosa anche sulla spending review ma penso che su Facebook o Twitter troverete qualcosa di più solido, oppure sulla "vittoria" di Monti A Bruxelles, tutto pilotato da qualcuno che dirige la stampa, un po' come le riviste scientifiche per capirci), due sole parole sul lavoro di Dario Pompa che alla fine ci dice con molta chiarezza anche come collocare una sola videocamera rallentata sulla navetta per avere i dati necessari a capire sia le capacità di accelerazione del soggetto ma anche la sua "abilità" nel cambio di senso e questa informazione ci aiuta a risparmiare i soldi delle cellule fotoelettriche.

IL PDF allegato è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.
Se sei già sostenitore, effettua il login.

s2Member®