Archive | Basket

La forza funzionale di Grassadonia ( 1 parte)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Oggi riparliamo di Forza funzionale e l'audiovideo viene prodotto da un giovane che abbiamo già conosciuto con un audiovideo sul pugilato, Gabriele Grassadonia . Si tratta di uno sforzo di passaggio dalla teoria alla pratica apprezzabile, sempre intesa che va studiato il ragionamento ed i presupposti metodologici alle scelte successive , illustrate da molti filmati . Avrei piacere che vi esprimeste su questa primo audiovideo in modo anche da orientare l'autore , che ha gia preparato altri audiovideo successivi a questo che pubblicheremo sperando di avere dei feedback su questo primo approccio .

6 parte :fisiologia del recupero attivo e passivo

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Senza nessuna presunzione sento il bisogno di approfondire alcuni elementi di fisiologia , dopo essermi riletto vecchi testi e nuovi media che si trovano su youtube . Naturalmente a chi non interessa può saltare questa parte , ma come dico sempre ,la fisiologia è sicuramente alla base dell' allenamento , su cui poi dobbiamo costruire la metodoloiga che risulta specifica per ogni sport . La fisiologia ha dei presupposti comuni , ma poi ogni sport deve adattare l'allenamento sulla base di una approfondita conoscenza del modello prestativo e coniugarlo con le caratteristiche fisiologiche dell'atleta in oggetto. Sottolineo che io non ricordo tutto a memoria e vanno sfruttate tutte le forme di approfondimento che la rete propone , unito ai classici . Poi bisogne essere in grado di scegliere, e ciascuno lo fa sul proprio vissuto esperienziale , nessuno ci deve dettare la linea e farci agire come uscieri . Dobbiamo liberare la nostra creatività su conoscenze profonde culturali e di esperienza ed essere sempre critici , raccogliendo laddove è possibile dati per controllare le nostre proposte di lavoro e la loro efficacia , senza presunzione   .

5 parte : recupero attivo e passivo

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Definiamo meglio cosa intendiamo per recupero attivo e passivo , e come questo influenza la risintesi del Creatinfosfato . Per anni anch'io ho creduto che il recupero attivo fosse migliore del recupero passivo perche ci consentiva lo smaltimento dell'acido lattico , ma ciò è stato un evidente errore complessivo . Anche su questo dobbiamo fare riferimento a ciò che succede nel modello prestativo di sport completamente diverso . E dobbiamo considerare che il lattato è un carburante , non solo una scoria   . A tal fine dedicheremo due audiovideo su questo argomento. Ed inoltre sottolineiamo che dobbiamo considerare recupero una intensità fino ad un 50%-55%  del Vo2max, mentre oltre parliamo della fase aerobica dei lavori con variazioni di ritmo e questa è un  altra storia .............

Ho aggiunto anche il pdf che avevo dimenticato nell'audiovideo precedente

2 parte) Il recupero nella seduta di allenamento : un po’ di fisiologia, molta metodologia dell’allenamento e pratica da campo

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Dopo parecchi anni che non ho piu accesso alla tecnologia del consumo di ossigeno , provo a ricostruire  alcuni concetti base di fisiologia da apllicare all'allenamento :lo faccio tramite  le centinaia di prove che ho sviluppato nel corso della mia vita con  l'uso dei metabolimetri che ho cercato di usare sempre con la logica di conoscere meglio le reazioni del corpo umano , non appiattendomi sull'uso dei noiosi ed abbastanza inutili test a carichi crescenti , ma cercando con tutti i miei limiti di utilizzare delle prove che servissero nello specifico al giocatore o all'atleta di turno e al suo sport , e che ci consentissero di studiare vari aspetti del suo metabolismo ,incluso il Vo2max ma senza prove massimali ad esaurimento . L'audiovideo di oggi è difficile e mi sono anche reso conto di essere un po arrugginito su questi concetti e calcoli che stanno alla base della metodologia dell'allenamento , tanto che ci ho messo una settimana quasi a tempo pieno per preparare questo audiovideo di 45 minuti , e non sono neanche soddisfatto. Avviso prima che bisogna stare seduti e magari aiutarsi con qualche appunto , non prendetelo alla leggera è abbastanza complicato e vi prego anche di segnalarmi se ci sono delle cose che vi sembrano sbagliate o non comprensibili , vi ascolto sempre ma stavolta ancora di piu perche voglio migliorarlo . Vi avviso anche che nel prossimo parleremo di allenamento ma secondo me capire questa parte è molto importante per spiegare bene quello che diremo dopo .

Le minKiate del test Leger sulla base dei dati del gps

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

il 16 gennaio 2012 , quindi nei primi 3 mesi del blog avevo fatto un audiovideo che parlava delle bugie dello YoYo endurance test di Bangsboo credo in maniera abbastanza approfondita . Naturalmetne molti che leggevano il blog si sono fatti venire quantomeno dei dubbi su questo test o similare per tante motivazioni

a) è un test massimale ad esaurimento che quindi dipende dalla volontà del giocatore

b) non c'è correlazione tra la distanza percorsa ( o vel finale ) e il Vo2max

c) dopo 4 mesi di allenamento chi aveva migliorato la distanza percorsa in questo test non aveva corrispondenti miglioramenti del Vo2max

Motivazioni che credo sufficienti e che hanno indotto buona parte dei lettori a non credere piu a questo test ( che anche io ho usato a gogo nel decennio dal 2000 al 2010  nel basket )

In questo mese di agosto il Caro amico Fucci mi ha mandato dei dati da lui fatti sul Test Leger ( che Bangsboo ha copiato spudoratamente , cambiando solo la velocità di partenza da 8 a 8.5 kmh !!) che fanno vedere quanto non c'entrino niente con il calcio , e contemporaneamente mi ha anche inviato su mia richiesta molto gentilmente anche i dati del test Fucci 5vs5 da lui sviluppato . Cosi mi sono messo al lavoro  e ho analizzato nel dettaglio entrambe le prove e credo di aver trovato qualcosa di interessante , che definitivamente ci fa capire per il Leger è un test che ci inganna anche guardando i dati del gps ( se poi uno vuole fare Tafazi , si prenda a bottigliate nei coglioni che se lo merita !!!) . Naturalmetne se qualcuno avesse fatto dei test YoYo intermittent di varia natura misurati con il gps se gli fa piacere me li può mandare che li analizzo nel dettaglio come

s2Member®