Archive | Canoa/Kayak

Solo fibre veloci che diventano lente? Una valutazione dei parametri del mezzofondista

 

 L'audiovideo  è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata e non verranno accettati iscrizioni alla pagina facebook senza la regolarizzazione della quota di sottoscrizione.

Non verrà data alcuna risposta alle email, commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

 

 

Naturalmente evitando come la peste l'atletica leggera e le sue discipline di mezzofondo, oggi discutiamo di come, nel corso della mia vita professionale, ci siamo orientati  con gli allenatori con cui ho collaborato nei diversi sport di mezzofondo.

La prima cosa importante quando ci si rapporta ad un allenatore è osservare e studiare quello che lui fa e nel contempo cercare di capire quali sono i suoi dubbi e le sue necessità, ad esempio di valutazione. Gli allenatori hanno formazioni non omogenee, e ci può essere qualcuno che magari non ha delle conoscenze approfondite su determinati argomenti: di solito chi vuol fare bella figura allora inizia a parlare solo di quello scavando un solco incolmabile con l'allenatore ed il rapporto finisce. Oppure subito si arriva e da saccenti si propongono soluzioni non richieste su argomenti scarsamente conosciuti.

Naturalmente anch'io ho fatto i miei errori come tutti, sbagliando rapporti sin dall'inizio, ma nel corso del tempo sono riuscito a capire un po' meglio come fare. Studiare i modelli è fondamentale, se avete in testa uno sport solo, aprite il cervello e cercate di capire che ci sono sport e discipline diverse, in cui la metodologia vi dà solo una base, ma tutto deve essere adattato.

Fibre veloci che diventano lente: chiacchiere da bar (3a parte)

 

 L'audiovideo  è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata e non verranno accettati iscrizioni alla pagina facebook senza la regolarizzazione della quota di sottoscrizione.

Non verrà data alcuna risposta alle email, commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

 

Riprendiamo il discorso su ciò che ci ha portato fuori strada per molti anni e cioè concepire l'allenamento (come volevano i medici) come una semplice una variazione microscopica della struttura delle nostre fibre, tra l'altro indipendente da tutto ciò che riguarda il controllo motorio. Ritorniamo quindi a parlare di forza resistente in questo caso ma con riferimento specifico, non come fanno quegli imbecilli che credono che con un circuit training possa essere sviluppata questa caratteristica negli sport specifici quando invece è solo per il fitness. Parliamo quindi di forza resistente e specifica per gli sport di RBd e RMd (resistenza di breve e media durata).

Volutamente non parlo di corsa, ma parlerò di ciclismo, canoa e canottaggio, come si valuta questa caratteristica essenziale per questi sport, e poi vi darò qualche spunto per come allenarla e anche soprattutto per come selezionare i soggetti più adatti o più allenabili a questa prestazione (anche nella prossima puntata).

È un mese che non parliamo di calcio, qualcuno è in astinenza?? Comunicatemelo che magari faccio intercalare un altro audiovideo su parametri del calcio prima della 4a parte sulle fibre, che mi rendo conto non è di facile digestione. Anche se suggerisco a quelli che allenano il calcio di leggere questo argomento, gli dico anche di non usare queste informazioni per allenare il calcio; la forza resistente nel calcio non esiste, così come nel calcio non si usano gli esercizi delle alzate olimpiche perché sono tutte bipodaliche e quindi non serve che nessuno ve le insegni, vi bastano pochi elementi da rilevare nella pesistica adattata, molto semplice e con elementi più adattabili al calcio, ne trovate a chili in questo blog.

Non portate il cervello all'ammasso e non fate diventare importante chi non lo è e non può proprio aiutarvi, anzi non gliene frega niente di aiutarvi ma cerca visibilità.

Ancora sulla imprecisione della FC per determinare il carico e la sua dissociazione dal Vo2 nel tempo

Oggi voglio rispondere a delle richieste che mi sono state fatte a Cambiago su cui non sono stato molto approfondito per mancanza di diapositive disponibili al momento e di tempo :cerco di rifarmi oggi . Il mito del rapporto indissolubile tra Vo2 e FC è poco attendibile quando le prove si prolungano oltre 5-6 minuti , capisco che per qualcuno è come scoprire che la propria moglie ti fa le corna , ma ahime la pratica da campo di qualche decennio suggerisce proprio questo . Ancora di piu oggi che disponiamo di strumenti che ci consentono con molta piu precisione di vedere la potenza che esprimiamo nel tempo , è controproducente per chi fa il nostro mestiere aggrapparsi a dei falsi miti , sarebbe meglio ridimensionarli .
Quindi l'analisi fatta in contemporanea tra metabolimetro , Gps e frequenzimetro durante test di durata sia a velocità costante che intermittenti , come vedrete qui , ci aiuta molto a capire queste cose , ed il "polso di ossigeno " che si ricava facilmente è l'indice piu semplice per verificare una volta per tutte questa perdita di linearità . Chiedo scusa ma durante l'audiovideo per l Alzheimer galoppante non mi ricordavo che si chiamava polso di ossigeno , vi prego di perdonarmi ma l'età avanza .....

Una esperienza di allenamento funzionale nel kayak: il BINARIO (by E. Introini & R. Colli)

[/s2If] [current_user_can(access_s2member_level2)]

[/s2If]

Oggi vogliamo riportare un'esperienza di circa 20 anni di utilizzo di uno strumento di muscolazione per il kayak: il binario. L'idea nacque nella palestra di Claudio Schermi a Roma credo agli inizi degli anni '90 dove naturalmente non avevamo neanche idea di cosa fosse l'allenamento funzionale, ma eravamo dediti ancora ai miti del massimale, della forza generale. Ma avevamo idea che continuare a lavorare sulle trazioni o spinte simmetriche non fosse la strada corretta, quindi ci ingegnavamo per studiare cose alternative, come non sviluppare più la forza resistente in palestra, come calcolare il lavoro per colpo che poi il CT Perri anni dopo con qualche fuoriuscito ha cercato di copiarci e di attribuirsi il merito, dimostrando nella pratica che non sapeva neanche utilizzarlo, ed appunto cercare qualcosa di asimmetrico sul lavoro in palestra che ci sembrava sempre più adatto al canottiere piuttosto che al canoista.
Tutto quello che è successo in seguito nasce da queste necessità e secondo noi, vi dà la traccia per come cercare di ragionare nel singolo sport specifico, naturalmente trovando soluzioni diversificate ed utili a ciascuna disciplina. Il racconto di cui oggi vi diamo conto è solo la metà di quello che vogliamo dire, infatti nella seconda parte ci saranno forse più numeri e meno filmati atti a motivare le nostre scelte, che cambiano ogni anno per migliorarsi e per dare agli atleti sempre stimoli logici ma diversi.
Il raccogliere i dati di quello che facciamo e soprattutto gli effetti sono la vera ricerca dell'allenatore che deve capire cosa succede oltre che con le sue intuizioni anche con dei riscontri oggettivi, a volte anche solo qualitativi come le riprese filmate delle variazioni del movimento. In poche parole non allenare più una trazione ma un'azione di torsione vera e propria, oltre a smontare il mito del grande sovraccarico che troppo spesso ci fa compiere movimenti sbagliati inefficaci per l'obbiettivo di sviluppo di quella catena cinetica specifica in termini spaziali, attenzione, non temporali.

La forza nel kayak (3a parte) by E.Introini & R.Colli

[/s2If] [current_user_can(access_s2member_level2)]

[/s2If]

Come promesso, anche se con un giorno di ritardo, aggiungiamo quest'altra relazione sulla forza nel kayak. È molto lungo, quindi vi consigliamo di considerali come due audiovideo di circa 30 minuti ma ci risulta difficile separare i concetti. Abbiamo un grande piacere a ricevere telefonate private di vecchi amici e conoscenti che non lavorano nel kayak ma seguono il blog e ci ringraziano (come ha fatto Armando Fucci con la sua sincerità nel blog stesso), perché praticamente stiamo facendo vedere a tutti quali sono i principi decisionali che ci hanno guidato nel corso della nostra attività, e dimostrare anche come nel corso del tempo il nostro pensiero si sia evoluto, migliorato, corretto.

Volevamo anche avvisare, visto che qualcuno ce lo ha chiesto, che non faremo alcun programma,perché insistiamo nel dire che il programma se lo fa il singolo allenatore sulla base del materiale che ha: umano e strutturale. Per troppi anni sono usciti programmi fotocopia sempre uguali che scaricavano l'allenatore da qualsiasi responsabilità, ma di fatto per chi li seguiva sono stati la privazione sensoriale di qualsiasi possibilità di evoluzione.

ALLENARE È UN ARTE, significa sempre fare ogni giorno delle scelte e non applicare un programma fatto e pensato (tra l'altro male e in maniera arretrata) da altri che non significa siano migliori perché sono in Nazionale (basta vedere di chi sei fratello oppure in quale circolo lavoravi prima...). Molto spesso i tecnici nazionali sono scelti non in base a criteri di qualità e competenza ma solo in base a convenienze politiche e familiari.

Il nostro intento è quindi quello di fornire una serie di dati ed esperienze che forse possono esservi utili per ragionare sulle scelte da fare e per comporre quindi un programma migliore.

Se il nostro pensiero va invece a chi ha responsabilità il cui l'unico principio che conta è la fatica e che fa come 30 anni fa per la forza i test (sbagliati tra l'altro) sulle trazioni, sulle spinte e propone quei circuiti di forza-resistente inguardabili dopo l'allenamento, la desolazione ci assale perché gli anni sono passati invano, senza uno straccio di ricerca ufficiale né utile né di competenze, facendo dei Centri Federali degli "ignorantifici".

Un piccolo avviso, nel filmato postato da Stefano Loddo, che ho commentato nell'audiovideo, chissà perché ho creduto fosse Ed McKeever e quindi nel commento faccio riferimento a lui (che ha volte scherzosamente chiamo MacGyver come il telefilm): scusate, ma per me che sono rimasto un anno indietro il campione del mondo ed olimpico è ancora lui. È stato un riflesso condizionato, Betta mi ha cazziato dopo ma non avevo più voglia di cambiare.

s2Member®