Archive | Forza

Front , Back e Goblet squat a confronto ( 2 parte a cura di Colli Lucarini Lopetuso )

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Oggi affrontiamo anche nel dettaglio il Goblet squat : ho visto nascere un bel dibattito sulle sue modalità di utilizzo e debbo dire che mi sono perso qualcosa . Qui ,voglio esprimere la mia valutazione su ciò che penso di conoscere basandomi su molti dati raccolti adesso ma anche negli anni , ma anche sull'esperienza pratica e sull'osservazione ( anche i filmati di oggi sono sicuramente di aiuto ) . Naturalmente sono disponibile a mettere sul blog contributi che esprimano anche opinioni diverse , sempre suffragate da esperienze e dati che aiutino il dibattito . Faccio presente che dalle mie informazioni sono sicuro che una buona fetta di preparatori usa sistemi a bassa velocità esecutiva per non infastidire i giocatori in sala pesi , sicuri di non creare alcun danno , ma l'allenamento dov'è ??

Dagli affondi cari a Tito Boeri a quelli per sportivi ( a cura di Lopetuso_Colli)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

A volte sembra incredibile come si dia a certi esercizi molto blandi una valenza per sportivi . Tutto torna nel momento in cui volgiamo avere un approccio soft , che di fatto può andar bene agli anziani come me ( e quindi il riferimento a Tito Boeri e all'INPS mi sembra d'obbligo ma quando parliamo di sportivi che svolgono anche prestazioni di alto livello la ginnastichina ha poco effetto , se non quella di ingraziarseli e non dargli fastidio . Per il miglioramento prestativo sono convinto che ancora non si siano esplorate tutte le strade per aumentare la performance della nostra muscolatura ,vengono ancora battute solo le strade del grande sovraccarico ( necessario in una fase di costruzione , ma da usare con molta piu accortezza nello sviluppo della performance ) e chi fa questo si definisce esperto della forza , dimenticandsi che la forza ha diverse espressioni di erogazione e che quelle esplosive e reattive sono le piu presenti in quasi tutti gli sport di squadra ad esempio . oppure ci sono gli esperti di alzate olimpiche che hanno una tecnica sopraffine , ma tale tecnica è completametne inutile agli sport di squadra , visto che non ci sono fasi balistiche . Allora la strada è quella della postura , dove i movimenti vengono svolti a bassa intensità , possono avere uno scopo in fase riabilitativa ma per uno sportivo diventano un semplice riscaldamento e non hanno alcun effetto sulla loro performance . Voglio ringraziare Lorenzo Verrigni e soprattutto Giuseppe Lopetuso per il grande lavoro che stanno svolgendo che ci consente di sviscerare a fondo tanti esercizi e soprattutto le loro varianti , che è il vero pane per chi opera con sportivi di buon livello

EMG nei jump in alto e in lungo

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Debbo fare una forte autocritica verso la mia miopia nei confronti dei jump in lungo , da sempre oscurati nella mia mente dai salti verticali . Di fatto la presenza di pedane che registravano unicamente la forza verticale negli anni 70-80 mi ha portato , di rimorchio ai grandi studiosi del tempo ( altra pasta rispetto ai quacuaracquà attuali ) , a valutare solo ciò che accadeva in verticale . Oggi ho l'opportunità , grazie anche ai miei collaboratori Dario Pompa e Luigi Lucarini , di poter cominciare a porre rimedio a questa mia enorme carenza . Questo audiovideo darà la stura a tante altre cose su questo argomento che non avete idea ......

EMG & Forza : il reclutamento muscolare (1 parte)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Facciamo un passo indietro : visto che è la frase del momento , anche noi ci dedichiamo a questo sport nazionale , andando a rivedere alcune cose su come si comporta il reclutamento muscolare , naturalmente attingendo alla realtà tramie gli strumenti che abbiamo a disposizione , visto che non siamo l'Università che dovrebbe fare queste cose per insegnarle agli studenti sul campo facendogli vedere l'applicazione pratica della teoria , e se essa risponde a tutte le domande . Troppo spesso vengono ignorate funzioni muscolari che poi hanno una notevole importanza nelle scelte di allenamento e di conseguenza abbiamo un uso scriteriato di metodiche ed attrezzi , che hanno invece funzioni molto piu precisate ( penso all'orgia di uso improprio di elastici o di esercizi talmente blandi che neanche in sala da ballo servono ). In parecchi mi avete chiesto di provare ad approfondire la modalità di lettura del segnale EMG , naturalmente io ci provo non con la teoria (o molto poco ) rivolgendomi alla pratica ,anche perchè spesso la teoria ha delle carenze o non riesce a spiegare delle cose ( il destino della scienza ) ed allora le nega ( un po come l'esistenza di Dio ) . Vi avviso che non sarà facile e ci porterà via un bel po di tempo e di concentrazione . E' decisivo il vostro feedback per vedere se sono comprensibile e ancora di piu su cosa non sono comprensibile ( i like fanno piacere ma è molto più utile una richiesta di approfondimento e chiarimento diretta ) . VI avviso che nella presentazione PDF ci sono un paio di diapositive in piu che non ho spiegato nell'audiovideo e poi ci sono gia le diapo del prossimo audiovideo .

Sprint con resistenze diverse : l’elastico ( 3 parte)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Ultimo audiovideo (doppio) che contiene alcune analisi sulle accelerazioni contrastate da elastici (utili ma troppo spesso usati a sproposito e con scarse conoscenze degli effetti) . All'interno anche un confronto esemplificativo di una partenza da fermo con l'inerziale , che dovrebbe aiutarci a capire meglio come funzionano i muscoli (in rapporto all'attività elettrica emessa dal cervello )e gli effetti sulla coordinazione .Dal prossimo audiovideo ricominciamo a parlare di salti in alto e in lungo di diverso genere ( sempre integrati con Piattaforme inerziali, Forza ,EMG e filmati sincronizzati ), perchè mi sembra che ci aiuteranno a capire meglio il loro utilizzo nell'allenamento riferito ai diversi sport .

s2Member®