Archive | GPSIMU

STEP UP : un esercizio versatile (Colli-Lopetuso) 1 parte

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Intendiamoci io le ho sempre chiamate salite al gradone ma visto che se non lo dici in inglese .... questa è la 1 parte di 3 audiovideo dedicati a questo esercizio .Lo Stepup è uno degli esercizi piu versatili che io abbia incontrato nella mia vita professionale e nel corso dei miei 40 anni di attività l'ho utilizzato sicuramente in maniera a volte sbagliata o inutile , e solo negli ultimi 15 anni ne ho compreso ( almeno credo) la grande versatilità , soprattutto per riuscire ad allenare diverse espressioni di forza negli sport di squadra . Con Giuseppe Lopetuso abbiamo affrontato una serie di progressioni per entrare meglio nel dettaglio di questo esercizio e delle sue possibili varianti . Naturalmente non le abbiamo sviluppato tutte , anche perche come gia ribadito tante volte ( spero che abbiate visto l'ultimo audiovideo sulle modalità di effettuazione dello squat per chi ha la prestazione nello massimo carico sollevato nello squat come i weight lifter o chi invece lo uso come strumento di allenamento come negli sport di squadra ) ogni esercizio con i sovraccarichi va poi visto in funzione del proprio sport e della espressione di forza che vuoi sviluppare

Come eseguire lo squat in rapporto alla prestazione

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Adesso con facebook e gli altri mezzi di comunicazione ognuno che da la propria ricetta di come si fa la forza ( senza mai aggiungere quale espressione ) . Invece non c'è nessuna ricetta preconfezionata , ogni sport e ogni atleta del singolo sport ha le sue necessità . Lo confesso a 64 anni ho finalmente avuto la possibilità di analizzare un weight lifter di buon livello ( studiatevi cosa è la potenza prima di definirli erroneamente power lifter che non lo sono in quanto se alzi un massimale la potenza è bassissima ) . E quindi esattamente come era successo quasi 20 anni fa con i culturisti del prof Massaroni , ho avuto l'illuminazione che tutto quello che io credevo andasse bene per tutti era sbagliato per loro . Nella prima parte degli anni 2000 avevo cominciato ad impostare il mio lavoro con i sovraccarichi in funzione della velocità dello spostamento del bilanciere ( tanto da nominare ERGOSPEED un ergometro a filo costruito insieme all'ing La Gala ( si quello dei gps di adesso ) pensando che questo avrebbe sostituito la ricerca del massimale effettivo attraverso il numero di ripetizioni fatte (il Brzckyi o come cazzo si scrive non me lo ricordo piu , sembra di stare a quei giochi a premi dove compri una vocale !!!) . Questo che adesso qualcuno chiama Velocity based training e se ne attribuisce la paternità gli ricordo di andare a leggersi la tesi di dottorato di Marcello Cipriani ( coautore dell'audiovideo di oggi) che la presentò nel 2008 !! Tale sistema risulta ancora valido per chi decide di sviluppare una azione con i sovraccarichi a velocità massimale per tutto l'arco di movimento ,che è quello che giustamente non fanno i wight lifter e che ho imparato proprio l'altro giorno ....

La spesa energetica (nascosta) nel tennis

Anche oggi l'audiovideo è libero per tutti .In molti mi hanno chiesto se nel tennis l'uso del gps poteva dare indicazioni utili per la performance e la spesa energetica del giocatore ed io ho sempre risposto che non avevo idea che pensavo che mancasse qualcosa perchè i dati che esso rilevava dava l'idea del giocatore di tennis che faceva uno sforzo inferiore ad uno che passeggia con il cane .... In verità anche i dati che fornisce la TV durante i tornei danno indicazioni inferiori al km percorso in un ora di partita che chiaramente non si addice allo sforzo fatto dai giocatori con battute sui 200 km/h e scambi che in certi casi superano anche i 20-30 colpi , con un colpo (per ogni giocatore) ogni 3" circa negli scambi da fondo campo .Nel prossimo audiovideo che metterò privato fra 2-3gg invece userò il tennis per far vedere come sviluppo attualmente la valutazione del rapporto tra EMG e potenza metabolica in pratica , così potrete individuare delle criticità e magari comunicarmele per migliorare , visto che siamo all'inizio e ci ho messo quasi un anno per capire un po di cose .....

5vs5 nel basket : EMG e spesa energetica (Colli Lopetuso) 2parte

L'altro giorno per l'audiovideo sull'impegno EMG e cinematico nelle azioni difensive nel basket ,nonostante un gran numero di scarichi , ho visto un limitatissimo numero di like (massimo 5 )o anche di worst ( non so se si dice cosi quando uno esprime il pianto o il grr su facebook ,correggetemi) da parte di preparatori di basket da me conosciuti visto che sono stato direttore per 7 corsi ( circa 400 preparatori formati ). Credo che l'argomento fosse interessante e soprattutto originale , rispetto alle solite pappardelle sulla postura , sul muoversi piano e con pesi leggeri tipo goblet squat , sull'iperuso di elastici anche a colazione etc , necessario quantomeno per ampliare il proprio orizzonte . A meno che non ci sia una paura che qualcuno controlli i like sull'account facebook dell'altrametodologia , oggi ho deciso che questa seconda parte fatta insieme a Giuseppe Lopetuso sia pubblica non limitata quindi ai sottoscrittori , visto che effettivamente non sono tantissimi i preparatori di basket che possono leggere il blog . Può darsi che sia solo questo il problema ed oggi lo risolviamo cosi , se poi non fosse cosi allora ............

Basket ed EMG : il vero impegno metabolico (Colli Lopetuso ) 1 parte

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Parto con un allarme per il basket : non fatevi fregare da quelli che vogliono vendervi mirabolanti e costosi sistemi di rilevazione dei parametri cinematici nel basket che vi indicano il livello di prestazione del giocatore : davvero pensate che se fossero utili non li avrei messi a punto molto prima cosi come ho fatto con i gps ? Il fatto è che ci sono ricchi scemi che spendono decine di migliaia di euro per sistemi in radiofrequenza o con accelerometri che sono assolutamente inutili , nel basket non funziona come nel calcio e cercherò di spiegarvelo in questi due audiovideo sul basket appunto . La cosa che mi stupisce è che qualche preparatore faccia spendere migliaia di euro senza informarsi da chi magari ha qualche conoscenza specifica in questo campo e che magari si occupa proprio di questo sport !!! Il basket è lo sport che ho praticato da giovane con maggior profitto ,il primo che ho studiato come modello prestativo e seguito come allenatore sin da giovanissimo ( a 17 anni !!). Per circa 10 anni sono stato responsabile della preparazione fisica dei settori giovanili di questa federazione ed ora nonostante tutto faccio veramente fatica a seguire le partite di serie A e della nazionale perchè il gioco è veramente di bassissima qualità . Ma avendo un po di conoscenza di questo sport , ogni tanto qusta mi aiuta a capire meglio certi presupposti energetici che stanno alle spalle dei suoi movimenti tecnici e tattici e non cadere nella pubblicità degli ingegneri intenti a magnificare i loro strumenti costosissimi e che magari si dimenticano che quando uno è piegato sulle gambe fa lavoro meccanico zero , ma lavoro metabolico SI!!! Loro a basket non ci hanno mai giocato .............

s2Member®