Archive | metodologia dell’allenamento

Relazione di Colli su allenamento e gps il 10 aprile 2017 sul WEBINAR a cura del PERFORMANCELAB

colli_aprile_2017_2

Sono molto contento di comunicare che il 10 aprile alle 18,30 ( fino alle 21 almeno)  sono ospite del WEBINAR di PerformanceLab e terrò una relazione dal titolo " Elementi di valutazione dell'allenamento calcistico tramite gps in rapporto al modello prestativo ". Per chi vuole iscriversi basta cliccare sul link sottostante che vi porta direttamente dai gestori del webinar per informazioni tecniche ed iscrizione a 15 euro.

Sito PerformanceLab




Ho partecipato una paio di settimane fa come uditore al webinar molto interessante di Mauro Testa sulla biomeccanica applicata al campo che mi ha dato un sacco di spunti   nuovi .

Credo proprio che questo sistema di comunicazione sia assolutamente il futuro e da sfruttare assolutamente per abbattere i costi dell'aggiornamento che stanno diventando insopportabili : invece di regalare soldi ai petrolieri , alle autostrade , alle ferrovie e agli albergatori ,uno se ne sta comodamente seduto a casa davanti al monitor del proprio computer , ascolta le relazioni e puo interagire sia con delle domande scritte che a voce . Un passo avanti rispetto agli audiovideo a cui manca un feedback .

Avviso che nella relazione che terrò cercherò di attenermi al titolo e quindi non parlerò di come funziona il gps , lo do per scontato dagli innumerevoli audiovideo che sono stati prodotti da me e da altri autori . Cercherò di focalizzare la sequenza personale delle scelte metodologiche  che mi porta a valutare un esercizio in rapporto ai tanti parametri su cui esso si basa .Per far ciò faremo riferimento ai diversi parametri del modello prestativo  di diverse realtà .

Allenare è un lavoro creativo e quindi ciascuno di noi è in condizione di adattare il proprio lavoro alla realtà in cui opera , avendo però l'umiltà di conoscere dapprima i presupposti prestativi dello sport e verificando la bontà e gli errori  della propria proposta, modificandola per migliorare sempre.

La forza funzionale di Grassadonia 2parte

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

2 parte della forza funzionale proposta da Gabriele Grassadonia , che ringrazio per lo sforzo profuso per la realizzazione dell'audiovideo pieno di esempi filmati e per il coraggio dimostrato nell'esporre i propri prinicipi di lavoro

La forza funzionale di Grassadonia ( 1 parte)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Oggi riparliamo di Forza funzionale e l'audiovideo viene prodotto da un giovane che abbiamo già conosciuto con un audiovideo sul pugilato, Gabriele Grassadonia . Si tratta di uno sforzo di passaggio dalla teoria alla pratica apprezzabile, sempre intesa che va studiato il ragionamento ed i presupposti metodologici alle scelte successive , illustrate da molti filmati . Avrei piacere che vi esprimeste su questa primo audiovideo in modo anche da orientare l'autore , che ha gia preparato altri audiovideo successivi a questo che pubblicheremo sperando di avere dei feedback su questo primo approccio .

10 parte : strutturazione della seduta nei dilettanti

 

 

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Come promesso oggi  parleremo di alcune linee di riferimento per la strutturazione della seduta di allenamento  nelle categorie dilettanti come nell'Eccellenza derivando i dati dal modello di prestazione specifico e basandoci soprattutto sulla tipologia e durata del recupero , e lo confrontiamo con quello che abbiamo ipotizzato per la serie A ,  in modo che anche per differenza si possa comprendere bene cosa si deve variare .  IL PDF  allegato comprende anche le slide della precedente presentazione . Alcuni mi stanno chiedendo ma se faccio il 3c3 o il 7c7 mi comporto nello stesso modo ??  A parte che sono vostre "scelte private" ( come dice Giorgione)  noi qualcosa diremo , ma ricordatevi sempre che queste sono indicazioni che arrivano alla fine di un lungo ragionamento ( ed esperienze dirette ed indirette ) e quindi ci appartengono culturalmente , ma su cui ciascuno può pensare di trovare cose piu adatte ed intelligenti delle nostre . Non siamo mica come quei due coglioni ( non allenatori ma che si reputano sport scientist per aver pubblicato 4 stronzate sbagliate tra l'altro ) che scrissero qualche anno fa " si allena cosi e basta " basandosi solo sulla letteratura scientifica che solo una piccolissima  parte ( anche molto fallace come vedremo in seguito ) che poi ci fa costruire le nostre scelte di 'allenamento  , ed ora vivono nell'oblio dimenticati da tutti e non cagati da nessuno .....

9 parte : usare i recuperi per strutturare la seduta di allenamento nel calcio

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Riprendiamo la saga della metodologia dell'allenamento basata sui recuperi e credo che questo ed il prossimo audiovideo siano di una grande utilità pratica perche vi danno i presupposti per strutturare la seduta di allenamento nel calcio , basata sul suo modello prestativo . Oggi parleremo della serie A la prox settimana dell'Eccellenza in modo che anche per differenza si possa comprendere bene cosa si deve variare . Ribadisco , per tutti gli ..zeri che ancora parlano , questi sono i presupposti su cui ciascuno può adattare la costruzione della seduta , l'arte sta nel coniugarli bene ed adeguarli alla propria squadra !!!  IL PDF sarà allegato al prossimo audiovideo vito che riguarda tutto lo stesso argomento

 

s2Member®