Archive | Mondo GPS

Ma l’equazione di Minetti è valida sempre ? (1parte a cura di Colli,Lucarini,Basile)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Ma siamo sicuri che in tutte le situazioni di accelerazioni , frenate e alte velocità non sia migliorabile l'equazione di Minetti ? dopo 6 anni di onorato servizio forse abbiamo la possibilità di perfezionare i dati che escono dal gps filtrati da questa equazione . Fino ad oggi i gps hanno fatto la rivoluzione , forse adesso possiamo diventare anche più precisi nell'analisi del carico interno . I gps sono diventati migliori , anche a 50 hz ma chiaramente ad esse sfugge la prestazione individuale e soprattutto la spesa energetica per la parte tecnica : pensate ad un tennista che sta fermo sul posto e colpisce la palla ogni 2" facendola viaggiare ad oltre 100 km/h : per il gps la spesa è zero (non si muove !!) per i muscoli invece no . Addentriamoci in questa nuova analisi che ci porterà a perfezionare di molto l'analisi della spesa energetica durante soprattutto gli esercizi in spazi stretti dove tocco molte volte la palla e dove accelero e decelero soprattutto molto spesso .

Grassadonia : un esperienza sui principi di gioco ,modelli prestativi ed esercizi nelle categorie giovanili

Oggi un bell'audiovideo con tanto di animazioni degli esercizi da parte di Gabriele Grassadonia , che lavora con il settore giovanile nel calcio e ci da un idea di come monitorare ed utilizzare il modello prestativo delle proprie squadre giovanili e valutare le esercitazioni tecniche e tattiche a cui vengono sottoposti i giocatori . In particolare l'analisi dei dati viene fatta approfondendo la componente metabolica e quella neuromuscolare . Ringrazio Gabriele anche perchè mi aveva presentato un audiovideo biblico di 90 minuti , ma poi in due mesi è riuscito a restringerlo rendendolo più snello e anche molto più fruibile , centrando meglio l'analisi su alcune esercitazioni che potranno dare lo spunto ai lettori del blog per ulteriori propri approfondimenti sulle loro squadre . Mi sento solo di dire attenzione a non specializzare eccessivamente sui moduli di gioco i giovani giocatori ...............

TOSCHI : Analisi delle fasi di gioco nei ruoli tramite gps e app tattica ( 1 parte)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Oggi un bell'audiovideo ( in due parti ) dell'amico Gabriele Toschi che sviscera nel dettaglio l'analisi tattica della partita , con approfondimento sui ruoli , valutati con Gps e d app tattica . Chiedo scusa per alcuni grafici dove non si leggono benissimo le didascalie , ma sia la compressione video che la volontà dell'autore di mettere "troppa roba " insieme causa questo effetto . Vi consiglio di seguire le diapo direttamente dal pdf allegato che comprende entrami gli audiovideo .

Valutiamo i dettagli della corsa con Gps con IMU , Filmati ed EMG : 1 parte

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Skip a gambe alte , calciata dietro , leg curl o Nordic Harmstring , quante cazzate che si fanno che non c'entrano nulla con la corsa !!! Oggi vi mostro le prove inoppugnabili di queste abitudini inutili ( anche per la prevenzione ) . Durante uno sprint su 30 metri di un calciatore professionista ,abbiamo messo insieme i dati di uno del nostro gps munito di una aggiornata piattaforma inerziale ( IMU) , i dati dei pantaloncini EMG ed il video , che è sicuramente la parte piu scadente dei tre ( tra me e Gigi facciamo a chi è più scarso a fare le riprese . Il risultato è ( almeno per me ) una comprensione molto ampia e anche nuova del fenomeno della corsa , dei suoi passi , di ciò che accade all'inclinazione del tronco e alla rotazione delle spalle . Ammetto che ho sempre creduto che ci fosse un alto riflesso da stiramento nel quadricipite all'impatto a terra ma non è cosi e mi si è definitivamente chiarito il ruolo degli harmstring nell'impatto del piede a terra e nella fase di richiamo della gamba nella fase di volo . Spero sia chiaro anche a tutti quelli che continuano a credere nelle favole degli esercizi di prevenzione su questi muscoli fatti con criteri monoarticolari ed in concentrico .
Se siete arrivati in fondo a questa introduzione avviso che se qualcuno volesse i filmati con i dati integrati di EMG e IMU me li può richiedere per email a info@laltrametodologia.com e gleli invierò . Inoltre ( ma tanto lo so che non lo chiederà nessuno ) se ci fosse qualche velocista di 180 cm a Roma o dintorni che vuol farsi analizzare con queste modalità , anche su qualche particolare esercizio che svolge , siamo disponibili GRATUITAMENTE , ma tanto loro sanno gia tutto !!!!

EMG , metabolismi e tecnica : proviamo a sintetizzare ( 1 parte)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Con l'ausilio di un programma di analisi video come Biomovie che ci consente di sincronizzare sullo stesso video oltre che le immagini del gesto tecnico , anche dati EMG meccanici e cinematici . Infatti il rapporto tra EMG , dati cinematici e metabolismi mi stanno risultando sempre più evidenti e questo penso che potrà facilitare la lettura del carico interno nell'ambito della durata degli esercizi . Uno dei problemi nel raccogliere dati da fonti diverse è quello di perdersi nella parcellizzazione dei dati , invece è compito dell'allenatore riuscire a dare una sintesi a questi contributi senza perdere di vista mai il vero protagonista che è il movimento , altrimenti diventiamo prede di ingegneri fanatici ,fisici più o meno fuori di testa e quant'altro a cui interessa solo il loro punto di vista che poco ha a che fare con lo sport e l'allenamento :questi personaggi ci vogliono far sentire ignoranti ponendoci di fronte alle loro anche elevate competenze senza avere una reale competenza sull'allenamento e la sua costruzione e il movimento tecnico . Ricordiamoci che lo stesso è successo con i medici , a cui l'allenamento ancora paga lo scotto di una interpretazione iperfisiologico e che vede ancora qualche nostro collega che per nobilitare il nostro lavoro si mette il camice invece di prendere il cronometro e mettersi in tuta .

s2Member®