Archive | pdf privati

I cambi di direzione (CdD) nel rugby: quantità e qualità – (2a parte) di Riccardo Di Maio



L'audiovideo è per tutti mentre per i sotenitori del blog c'èè il Pdf che contiente tutti i dati e la tabelle descritte ,in modo da poterle leggere e studiare con maggiore attenzione e visibilità , informati sulle modalità di sottoscrizione.
Se sei già sostenitore, effettua il login.

Molto ben accolta è stata la prima parte del lavoro di Riccardo di Maio sui CdD nel rugby, debbo dire migliore dell'audiovideo sul modello del basket, che dimostra come oramai il basket sia uno sport in decadenza mentre il rugby, grazie anche alla cura mediatica federale, risulta più appetibile rispetto agli anni precedenti. Non ho visto però nei siti specializzati del rugby un grande commento e apprezzamento, spero ciò sia dovuto solo magari alla non conoscenza degli audiovideo che invito ai sottoscrittori a diffondere anche su facebook e condividere: secondo il mio parere contengono degli spunti molto interessanti su cui bisogna cominciare a ragionare visto che ho saputo che nella nazionale giovanile under 18 di rugby si fanno le ripetute sui 1000!!! Speriamo che con questi dati i responsabili di tale scempio vengano quantomeno sfiorati dal dubbio!
Un fortissimo complimento va ad Armando Fucci, a mister Bovienzo e al presidente dell'AIPAC campano prof. Varracchio, insieme ad un ringraziamento al Benevento Calcio per il seminario di Lunedì dove si è parlato (di fronte a 100 giovani assetati di moderne conoscenze e non di riedizioni di liturgie ormai stantie) soprattutto con la pratica sul campo di argomenti pragmatici, sostanziali e rivoluzionari che stanno prendendo sempre più piede in Italia, nonostante il grande freno che la cultura ufficiale sviluppa nei confronti della potenza metabolica e su tutto ciò che essa comporta.
La conoscenza dell'impegno durante le esercitazioni specifiche cambia di fatto il ruolo del preparatore fisico nel calcio e ne cambia totalmente le competenze, ma a Coverciano non se ne sono accorti...

Confronto videoanalisi basket e calcio (2a parte): come analizzare l’impegno in allenamento



Il secondo audiovideo e il PDF sono solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.
Se sei già sostenitore, effettua il login.

(A cura di Silvio Barnabà e Roberto Colli)
Oggi abbiamo due file audiovideo di cui il primo è disponibile per tutti, mentre il secondo è solo per i sottoscrittori perché diamo delle idee su come valutare ed organizzare l'allenamento in chiave metabolica nel basket, e questo quindi lo riserviamo solo ai sottoscrittori, unitamente a tutto il PDF con le tabelle ed i grafici mostrati in questi 4 audiovideo sul modello prestativo del basket in rapporto al calcio di serie A. Terminiamo quindi il lavoro sul basket sviluppato con Silvio Barnabà, anzi diciamo che questa parte è anche più sua che mia, riguardando l'analisi che viene fatta dapprima in partita sulle tipologie di movimento valutabile dall'osservatore, e poi confrontate con i dati reali della videoanalisi.
In pratica cerchiamo di vedere se non avessimo la videoanalisi, di quanto sbaglieremmo la valutazione della potenza metabolica in partita, potendola invece stavolta confrontare con i valori reali della videoanalisi.
Nella seconda parte (solo per i sottoscrittori) daremo delle indicazioni pratiche per mezzo di una tabella interattiva per capire il carico metabolico in diverse esercitazioni dove si alternano con quantità e tempi diversi le 4 tipologie di azioni di diversa intensità che abbiamo catalogato nel basket.

s2Member®