Posted on

Lo Statico dinamico e l’inclinazione del tronco nello squat (Colli,Lucarini) 3 parte

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Prima di ferragosto metterò in rete anche il 4 e ultimo audiovideo che tratterà dello STATDIN monopodalico e conterrà anche delle riflessioni conclusive ed indicazioni sul suo utilizzo . Dopo mi prenderò un paio di settimane di stacco visto gli audiovideo doppi non penso di fare torto ai miei sostenitori , e poi riprenderò con la saga sulla pliometria ( ci sono ancora 4 audiovideo da vedere !!!) .Oggi mi concentrerò su qualcosa che spesso sfugge alla nostra visualizzazione e quantizzazione e riguarda l'inclinazione del busto nello squat ( in questa tipologia sia in fase statica che dinamica) che rischia di cambiare totalmente l'obbiettivo dell'esercizio stesso .E' solo un primo approccio che poi approfondiremo in un altro audiovideo piu avanti , sarebbero gradite altre indicazioni su questo punto che credo di notevole interesse .

Posted on

Il metodo statico dinamico : ottimo per l’inizio preparazione ( Colli,Lucarini) 1parte

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Per circa 35 anni ho utilizzato il metodo Statico dinamico ad inizio preparazione ( unito alle contrazioni eccentriche "lente" ) perche in questa fase critica di ripresa mi ha preservato da infortuni muscolari , da tendiniti e dolori alle gambe che rendevano impossibile allenarsi al giocatore per giorni . Durante la mia attività l ho perfezionato ,limato ed adeguato , ma le basi erano quelle senza che qualche sapientone che non aveva mai fatto pesi in vita sua ne su di se ma soprattutto agli altri ci desse le sue indicazioni di lavoro su "evidenze scientifiche " . Oggi mi sono voluto togliere qualche curiosità su questo metodo e debbo dire che sono rimasto sopreso di alcune cose che voglio condividere con voi , in modo che possiate poi scegliere con qualche dato in piu . Con dedica ai negazionisti dell EMG in dinamica che esiste e viene applicata ( e pubblicata) da 40 anni , ma loro non ci arrivano poveracci ......

Posted on

Frenate monopodaliche (Colli Lucarini,Barnaba,Lopetuso)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Dopo una piccolo inciso sull'utilità dell metodo d'urto , oggi iniziamo con la parte dedicata alle azioni reattive monopodaliche , quando lo sono e se variando il vettore della forza abbiamo differenze significative di pattern motori , muscoli impegnati etc . Iniziamo da un vecchissimo metodo da cui ho preso spunto negli anni 70 e cioè le frenate da cadute molto elevate ( 2-3 metri ) con atterraggio bipodalico ad angoli prestabiliti su un tappetino della ginnastica attrezzistica tipo Fonti ,introdotto dai cubani della pallavolo . Già a quel tempo per tanti motivi l'ho modificato con frenate monopodaliche da altezze dimezzate e l ho utilizzato ogni tanto nelle mie progressioni di forza . Avere l'opportunità di descriverla con pedana ed EMG mi ha riportato indietro di oltre 40 anni e soprattutto di capire che in qualsiasi azione balistica esiste poi una modalità di frenata che può essere anch'essa allenante ed allenata , perche cadere da un altezza e atterrare con una gamba sola va appunto progressivamente migliorata . E questo è molto presente poi nella pesistica adattata , quella vera.....

Posted on

Affondi e contropiegate ( 6 parte) : divaricata sagittale indietro continua con e senza distensione

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Mi sto concentrando dalla scorsa settimana sul seminario del 29 giugno di S.Maria a Vico Caserta , organizzato da Armando Fucci e Luca Piscitelli . Sarà un impresa ardua tenere l'attenzione per tutto questo tempo : l'unica cosa che non mi manca è il materiale , anche perchè si riferisce a tutta una vita , anche se userò in prevalenza osservazioni ed analisi svolte negli ultimi anni ma che hanno radici lontane . Probabilmente sarà il mio ultimo seminario pubblico ( mai dire mai ) ma mi accorgo che faccio sempre piu fatica a rimanere concentrato nell'esposizione , anche pechè mi manca l'allenamento specifico ...... Infatti se non fosse per Armando e l'APF ormai avrei smesso di fare seminari involontariamente , mentre vedo tanti incompetenti senza alcun storia di campo alle spalle ma che dopo 2 anni di lavoro gia pontificano e scrivono libri ( di cose copiate anche male da altri perchè la loro esperienza non glielo permetterebbe ) e fanno seminari da tutte le parti . Godetevi ( si fa per dire ) se volete questa ultima audiovideo sugli affondi e contropiegate (con molte autocritiche ) e probabilmente ci rivediamo fra 15 gg dopo che mi sarò ripreso dal seminario di S MAria a Vico ( Caserta) .

Posted on

Affondi e contropiegate (5 parte) : divaricata sagittale continua in avanti disteso e piegato

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Non siamo impazziti prima di dubitare sul titolo odierno guardate i filmati ed i riscontri emg di questa tipologia di esercizio e capirete perche gli abbiamo dato un nome diverso . Inoltre l'abbiamo cominciato ad analizzare anche con il nostro software che sincronizza contemporaneamente dato IMU ,EMG e video , uno spettacolo che ci ha occupato per quasi un anno ( ancora migliorabile ma la strada è tracciata ).Con il prossimo audiovideo abbiamo finito qusta parte sugli affondi state tranquilli ma fra un po riprenderemo con il bulgarian single leg squat . IL pdf lo mettiamo al prossimo che comunque pubblichiamo in settimana .