Archive | squat

Allenamento con i sovraccarichi e forza esplosiva : 2 parte

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Il grafico di copertina di oggi è un omaggio per chi continua a credere che fare lo squat sia un esercizio di forza senza capire che la modalità di sollevamento influenza grandemente il risultato che si vuole ottenere e per tutti quelli che si credono maestri della forza senza aver capito molto di come funziona il sistema , solo perchè sollevano tonnellate di ghisa senza però capire che la forza va fatta in funzione dello sport praticato e non esiste un modo solo per sollevare lo stesso arico con lo stesso esercizio ...... Dopo che avranno capito questo potranno vedere anche gli effetti sulla forza esplosiva dei differenti esercizi e forse capire qualcosa di piu ......

Allenamento con i sovraccarichi e forza esplosiva ( 1 parte)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Oggi riprendiamo ad analizzare in maniera pratica le nuove modalità di analisi del test di Bosco ,non piu legate ad una ipotetica valutazione funzionale , motivo per cui era nata ,ma volte ad individuare le variazioni della forza esplosiva in acuto dopo un allenamento o degli esercizi svolti con i sovraccarichi . Abbiamo avuto alcune esperienze nei precedenti 30 anni che ci hanno indicato come il CMJ sia molto utile per visualizzare una fatica acuta ( anche del sistema nervoso) mentre per la valutazione della fatica cronica non ci ha mai dato particolari soddisfazioni . Ora dobbiamo spendere anche piu tempo nell'analisi perche anche gli angoli di piegamento diversi nel cmj possono dare risposte diverse e qui ne cominciamo ad apprezzare alcune . Va detto che ci riferiamo oramai solo a casi singoli , perche risulta difficile fare una statistica , e quindi uno studio pseudoscientifico di infima qualità da qui siamo sommersi in questi ultimi dieci anni , perche ogni atleta reagisce in maniera individuale al lavoro con i sovraccarichi e per ciascuna va fatta un controllo e quindi una valutazione . Senza parlare della loro abitudine all'uso dei pesi e al loro sport specifico . Oggi affronteremo la prima parte dell'esperienza valutando tutto con la pedana dinamometrica , perche il posizionamento del GPSIMU ( o piattaforma inerziale) era sulla parte alta del dorso del nostro atleta , e questo ci ha aiutato a capire che nell'ambito dei salti non è quello il posto adatto per poter valutare correttamente i parametri del salto aggiuntivi , in quanto il tempo di volo risulta del tutto simile a quello della pedana , ma gli altri parametri vengono alterati dal movimento del busto .

Test di Bosco : aggiorniamoli 4 parte

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Ieri Ho avuto una forte soddisfazione ed anche emozione al seminario pratico sulla Pesistica adattata , organizzato ottimamente a Roma dalla APF , nel veder sviluppare dai 3 relatori Azzone ,Cipriani e Lucarini un argomento a me molto caro sin dagli anni 2000 . Ma anche la soddisfazione di vedere questi "ragazzi" che sono stati prima miei studenti all'università e poi miei collaboratori e poi colleghi , snocciolare con grande professionalità , passione ,competenza e attitudine pratica l'argomento in questione .

Test di Bosco : 3 parte

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Stiamo andando molto a rilento per l'aggiornamento del test di Bosco , ma è necessario approfondire bene a 40 anni di distanza l'analisi di semplici salti che rilevano tutta la complessità dei gesti umani e ancor piu sportivi . E' necessario sempre saltare piu in alto o piu rapidamente ? E se si cosa valutiamo allora ? E superfici diverse come ad esempio la sabbia ci aiutano meglio a capire le modalità di lavoro e di reclutamento muscolare ? Noi ci stiamo provando .......

Stacco da terra e quadra bar ( 2 parte Colli Lucarini)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

L'uso della quadra bar per me è stato sempre volto a dare un alternativa allo squat per i giocatori di sport di squadra come volley e basket , ma ho dovuto fare alcuni aggiustamenti empirici . Oggi ho la possibilità di valutare se ho fatto delle cazzate data la mia idiosincrasia verso lo stacco . Debbo accettare le parole di Renzo Colombini che gentilmente su facebook ha scritto che "non esistono esercizi che fanno male ma solo esercizi fatti male" : probabilmente la mia scarsa competenza esperienziale verso questo esercizio me lo ha fatto accantonare perche non mi sentivo sicuro nel proporlo . Per chi ha l'interesse a leggere anche questa seconda parte potrà scegliere varie opzioni ricordandosi che lo stacco è molto diverso dallo squat e serve muscoli diversi ( ed in piu) rispetto allo squat stesso .

s2Member®