Archive | videoanalisi

Prestazione fisica e risultato dinamico della partita (1a parte)

risultato dinamico 1 parte

L'audiovideo  è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata e non verranno accettati iscrizioni alla pagina facebook senza la regolarizzazione della quota di sottoscrizione.

Non verrà data alcuna risposta alle email, commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

 

Oggi, con la prima parte di questo audiovideo, approfondiamo il discorso che mostra il rapporto inesistente tra risultato e prestazione fisica, andando a valutare non più solo il risultato statico (o finale della partita), ma anche quello dinamico in divenire. In pratica, vediamo i comportamenti delle squadre durante la partita mentre il risultato è avverso o favorevole, oppure quando stanno pareggiando.

Dopo aver letto certe (... bip... ) di articoli su SdS su metodi di sintesi che sono stati proposti 15 anni fa senza alcun rapporto con la prestazione, oppure uno studio olandese che affronta in maniera maldestra il costo energetico della navetta con lo steady state! (come avevo cominciato io oltre 10 anni fa accorgendomi che non era quella la strada), mi sembra che questa sia una cosa modesta ma molto utile per provare a capire meglio quello che succede in una partita di calcio a seconda del risultato, e non credo sia poco.

 

Argomenti e relatori dei filmati (pronti) del seminario del 12-13 gennaio 2015 a Roma

banner-filmati-piglionicaAlcuni di voi giustamente mi hanno chiesto, prima di ordinarli, maggiori delucidazioni sugli argomenti dei filmati del seminario di Roma del 12-13 gennaio e qui di seguito ve li elenco con qualche riga sull'argomento trattato.

1. relazione Colli mattina. Un'analisi con molti dati del rapporto esistente tra la prestazione fisica della squadra ed il risultato distinto in statico (finale) e dinamico (parziale), con relazione tra questi e molti dati prestativi.

2. relazione Pompa mattina. Un ampio excursus di come e perché sono aumentati e variati i parametri della sinottica nel corso del tempo, e come può ancora cambiare, con un ampio uso di esercizi di riferimento dal generale allo specifico.

3 relazione Basile pomeriggio. Dall'analisi ormai classica del rapporto tra condizione del giocatore, dati GPS e RPE, due analisi nuove ed originali sulla potenza metabolica espressa da due squadre di diverso livello in un'amichevole, e di come l'occhio sbagli completamente la lettura; le falsità che vengono espresse dal test Yo-Yo endurance e le capacità prestative dei giocatori in allenamento.

4 relazione Colli pomeriggio. Alcuni riferimenti ai parametri della metodologia dell'allenamento ed il loro utilizzo, e molti dati riguardanti la palla ed i giocatori nell'ambito della prestazione calcistica e di come utilizzarli per creare punti di riferimento per costruire esercizi e sedute di allenamento.

5 relazione Salomone mattina 2° giorno. La periodizzazione tattica e i suoi principi come riferimento per l'allenatore ed il preparatore; scelte tattiche ed esercizi.

6 relazione Pompa mattina 2° giorno. Occorre variare lo spazio per aumentare l'intensità dell'esercitazione? Oppure basta modificare le regole e i criteri di spostamento? Molti esercizi per dimostrare che...

7 relazione Colli mattina 2° giorno. I nuovi metodi di valutazione della condizione fisica della squadra e del giocatore nel corso di una stagione: abbandoniamo i vecchi test e soprattutto non alleniamo più per i test ma per la gara. L'analisi di una stagione di una squadra e di alcuni giocatori e come valutarli.

Struttura della settimana di allenamento in serie A e GPS: il punto di vista di Fabrizio Tafani (1a parte)

Tafani1

L'audiovideo  è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata e non verranno accettati iscrizioni alla pagina facebook senza la regolarizzazione della quota di sottoscrizione.

Non verrà data alcuna risposta alle email, commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Anzitutto un grande ringraziamento a Fabrizio Tafani che si è dimostrato un vero amico (d'altro canto lui è della vecchia guardia!), oltre che un grande professionista e mi ha confezionato questi due audiovideo di grande qualità in poco tempo riguardanti la strutturazione della settimana nella sua squadra in Serie A e come il GPS contribuisce a fargli identificare la coerenza o meno delle esercitazioni con il modello prestativo.

Due semplici parole anche sul seminario organizzato da Gianvito Piglionica di allenatoreclinic.net a cui abbiamo avuto l'onore di essere invitati come relatori (Dario Pompa, Matteo Basile ed il sottoscritt): gradevolissimo e di grande impatto emotivo, con una platea qualificatissima di preparatori che hanno voluto approfondire il nostro messaggio con domande e critiche molto ben strutturate. Come ho detto anche su facebook, mi ha fatto anche molto piacere aver potuto chiarire qualche concetto di metodologia dell'allenamento (quella vera, non quella dei fantocci da laboratorio) che a volte sfugge ai più giovani. Penso che tutti abbiano compreso che nessuno può fornire risposte preconfezionate sull'allenamento, non conoscendo la realtà personale, ma che avere delle informazioni più dettagliate su quello che si fa - ed il GPS con tutte le sue variabili le dà - contribuisce in maniera determinante a capire dove stiamo andando, dove dobbiamo intervenire intensificando o rallentando. Ciascuno deve essere in grado di fare le sue scelte metodologiche sulla base di dati oggettivi e proprie intuizioni derivanti dall'esperienza e dall'osservazione empirica. Le esercitazioni e le scelte  non possono essere calate dall'alto, sopratutto se quelli che le calano dall'alto sono incompetenti e presuntuosi senza motivo e malati di scientismo.

Ci stiamo organizzando con Gianvito Piglionica per poter mettere a disposizione di chi li vorrà acquistare i filmati del seminario, ma dovrete aspettare una decina di giorni perché sto preparando la tesi del dottorato e naturalmente come tutti i bravi studenti sono indietro nella sua scrittura e quindi mi dedicherò solo a quella. Aspettate che appaia il solito banner sul blog, ma a fine gennaio, e non me lo chiedete prima che esca quel banner. Grazie

Il Rubgy a 7 nuovo sport olimpico: analizziamo il modello prestativo con i GPS (di Maio)

Anzitutto si chiama Rugby Seven ed è un nuovo sport olimpico: in pratica si dimezzano i giocatori del rugby, si lascia lo stesso campo e la partita si gioca in due tempi da 7 minuti. Viene naturale pensare che cambi tutto o quasi, quindi Riccardo Di Maio, l'unico in Italia che ha analizzato da oltre due anni tutte le particolarità dello sport a 15 - ed ora è il preparatore fisico di questa nuova disciplina - ha pensato bene di partire con il piede giusto. Ha analizzato questo sport con l'uso dei GPS in alcuni tornei della nazionale, ed ecco bella pronta una prima infornata di dati che fa invidia a quei 2-3 studi da vomito che ci sono in letteratura internazionale su questo argomento.

Già le pubblicazioni, ormai vero e proprio business per le case editrici. Questi studi pubblicati a pagamento, va detto, forniscono sempre meno informazioni utilizzabili e valgono meno della carta straccia. Tra l'altro facendo una banale ricerca su Medline ho visto che un mio ex studente, il più deficiente che avevo (che proprio non capiva un cazzo), adesso è diventato uno scienziato da molte pubblicazioni. Ma se le analizzi, si vede che sono pubblicazioni "per pubblicare" e non perché ci sia qualcosa di utile o interessante. E quindi le informazioni per poter allenare le dobbiamo cercare anche e soprattutto nella rete, e dobbiamo essere referee di noi stessi, nel senso che dobbiamo avere molto spirito critico in quello che leggiamo per capire se è una bufala oppure i contenuti sono accettabili.

Intanto Riccardo vi pone qui delle basi inconfutabili, basate sulla potenza metabolica e sui derivati che nel tempo abbiamo messo a punto, mentre nel rugby a 15 sapete che mettono i GPS ma hanno dei report con velocità e accelerazioni? Anni luce avanti... ma lo siamo su tutto mi sembra, mentre gli altri arrancano e dopo anni ripropongono minestre riscaldate di quello che noi già abbiamo fatto, detto, spiegato e utilizzato e in più molto migliorato dalla pratica e dalle sue necessità. Anni luce avanti, anche troppo, ma come rosicano...

Non vi precoccupate, vi ho dato una settimana di respiro sul discorso delle fibre veloci che diventano lente perché lo digeriate, dalla prossima ricominciamo; ora godetevi questo semplice ma istruttivo audiovideo sul rugby seven e grazie a Riccardo.

Ma le fibre veloci possono diventare lente? Chiacchere da bar (2a parte)

 

 L'audiovideo  è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata e non verranno accettati iscrizioni alla pagina facebook senza la regolarizzazione della quota di sottoscrizione.

Non verrà data alcuna risposta alle email, commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

Se sei già sostenitore, effettua il login.

 

Alla fine tutti parlano sempre di fisiologia e si dimenticano poi di dare dei criteri metodologici per l'allenamento. L'idea di mettersi il camice e scimmiottare i fisiologi è veramente una necessità intrinseca soprattutto per chi poi non ha basi e pratica metodologica. Chi non ha lavorato sul campo ma solo in laboratorio poi si vede subito, bisogna essere in grado di raccogliere dei dati ma sulla propria esperienza, altrimenti si vive la vita di un altro.

Detto questo oggi è la parte più dura, dobbiamo analizzare un confronto tra canottieri quando vanno in gara e come modificano i parametri della remata quando sono in allenamento a bassa frequenza di colpi. Qui è l'essenza del problema per avere più chiaro quale metodologia applicare in funzione della tecnica. I termini usati non saranno di tutti i giorni per molti, ma vi invito ad essere pazienti, quello che alla fine verrà fuori da tutto questo riguarda proprio - solo ed essenzialmente - l'allenamento, visto da una prospettiva integrata tra tecnica, intensità più basse e principi fisiologici.

Quindi il passaggio tra fibre veloci a lente è importante, ma legato ad altri aspetti ancora più decisivi, come la corretta riproposizione in allenamento di alcuni elementi chiave del gesto gara, che in certe situazioni non è dovuta alla forza applicata (in questo caso al remo). Non basta un remoergometro per essere ottimi canottieri...

 

s2Member®