Archive | Volley

Lo stacco da terra : a cosa serve ?? ( 1 parte) (Colli-Lucarini)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Lo confesso :non ho mai amato e ho sempre utilizzato con grande parsimonia questo esercizio durante la mia attività : oggi mi sono voluto togliere lo sfizio di documentarmi meglio e capire se le mie sensazioni negative erano corrette oppure l' antipatia visibile verso lo stacco da terra ,che per i giocatori di altezza elevata mi sembrava troppo pericoloso, mi ha condizionato . Per me lo stacco da terra serviva solo per sollevare il carico da terra e poi fare tutti gli esercizi di pesistica adattata con partenza dal ginocchio ( poi ho quasi del tutto abbandonato in questa metodica il bilanciere a favore dei manubri ) . Spero che Renzo Colombini ( prep fisico di Venezia basket e grande sostenitore invece di questo esercizio ) lo legga e poi mi faccia avere le sue valutazioni da grande esperto sull'argomento . Chiedo scusa a Romani e Cipriani che hanno dato il loro contributo tecnico e logistico ma che mi sono dimenticato di citare nella prefazione (che non ho corretto altrimenti dovevo rifare tutto ) , lo farò nella seconda parte ( ed ultima sullo stacco) ma comunque siete nel PDF .

STEPUP 3 parte ( a cura di Colli & Lopetuso)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Invece dei leggeri Goblet Squat e similari che non si sa bene verso quale espressione di forza sono diretti (basso carico e bassa velocità) , possiamo fare veramente forza massima anche con un semplice stepup con 10-30 kg e soprattutto la facciamo con un solo arto , cosa che succede nella quasi totalità degli sport . E non fatevi troppe pippe mentali , lo squat è un esercizio non LA POSTURA , quindi guardate meglio cosa fa il vostro atleta in gara e trovate come contribuire ........

STEPUP :un esercizio versatile ( 2parte di Lopetuso Colli)

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Lo stepup è a nostro avviso il piu versatile esercizio monopodalico : il suo uso nelle diverse versioni consente la scelta dell'espressione di forza che si vuole sviluppare ed anche la posizione del sovraccarico e la modalità del suo dinamismo può essere personalizzato allo sport praticato . Qui lo vediamo nella modalità ad una gamba con partenza da mezzosquat (90°) e lo paragoniamo a quello a 2 gamba . Credo proprio che valga la pena ascoltare e vedere se lo abbiamo sempre utilizzato al meglio ........

EMG e schiacciate e muro nel volley : 2 parte

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Altre sorprese oggi nell'analisi dei gesti tecnici del volley : analizzando schiacciate e muri abbiamo visto che anche in questa condizione non c'è riflesso da stiramento sul quadricipite e che vi sono differenze significative tra l'azione dei salti verticali ( schiacciate 1 linea) rispetto a quelli orizzontali ( 2 linea e battute ) . Alcune considerazioni su due tipologie di muro e nel prossimo articolo sempre sul volley tratteremo anche sul numero dei salti in allenamento e la loro qualità e tipologia ( piegamento e lunghezza oltre che altezza ed inclinazione del tronco ) che si possono ricavare dal nuovo gps con piattaforma inerziale ed apposito programma .

EMG ed esercizi tecnici del volley : la battuta in salto

L'audiovideo è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata.

Non verrà data alcuna risposta alle email o commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.

 

Se sei già sostenitore, effettua il login.

Iniziamo l'anno con il volley , ma invito tutti quelli che anche non si interessano di volley a sforzarsi di vedere come si puo valutare un gesto tecnico specifico tramite l'EMG ( anche se solo dei muscoli della coscia , ma per adesso sono piu che sufficienti ) . Nella prima parte del lavoro che abbiamo fatto circa un mese fa con Glauco Ranocchi e Andrea Radogna con la collaborazione di Pierpaolo Polino e di Gabriele Maruotti come giocatore cavia , abbiamo avuto l'opportunità di seguire una seduta completa di pesi come impostata per la Taiwan Excellence Latina ed il pomeriggio una seduta completa di allenamento pallavolistico ; oggi  ho voluto proporre per primo  un elemento tecnico basilare nel volley moderno come la battuta prima ancora dell'analisi del lavoro con i pesi , perche se non si conoscono bene le azioni specifiche e come esse vengono prodotte ,non è pensabile costruire bene un programma di lavoro di muscolazione . Tenuto conto che una quota di lavoro generale ed aspecifico deve comunque sempre essere presente in una seduta pesi , dobbiamo però limitare l'errore grossolano che è stato fatto per tanti anni di considerare la forza come elemento finale da sviluppare , quando invece le entrate debbono essere molto diverse e percentualizzate in rapporto all'eta del giocatore , al suo ruolo e ai suoi livelli raggiunti ed inoltre il lavoro generale deve essere variato molto spesso altrimenti si rischia di far diventare bravo il nostro giocatore ( non  atleta che fa atletica leggera  ,e  non è necessario che  sia una fenomeno fisico  negli sport di squadra ) a sollevare un carico , che non significa aver migliorato la forza .

s2Member®