Tag Archives | modello di prestazione

Modello prestativo individuale nel basket: due approcci possibili o necessari??

modello individuale basket Barnabà Colli 1

Nell'assoluto silenzio dei preparatori di basket (esclusi pochissimi e quasi tutti campani e pugliesi), continuiamo a proporre un'analisi praticamente unica che abbiamo fatto con Barnabà in questi ultimi due anni, che riguarda il modello di prestazione individuale del basket: infatti l'analisi di squadra è necessaria a comprendere i rapporti gioco-pausa e come evolvono in funzione anche del tempo del tipo di attacco e difesa etc, ma non ci fanno comprendere appieno lo sforzo del singolo giocatore. Sembra quasi che nel basket contino solo a questo punto le posture, l'equilibrio e gli elastici (i pesi non ci sono più). Se questo ha rappresentato sicuramente una evoluzione circa 11 anni fa, adesso si sta esagerando e si parla solo di quello, magari perché non si hanno le conoscenze giuste per parlare di lavoro metabolico?? Onestà intellettuale vuole che i lavori individuali vanno corroborati da impegno metabolico specifico, così come il sovraccarico provoca adattamenti diversi e non sviluppabili dai semplici elastici.
Continue Reading →

Modello prestativo di squadra basket: confronto tra A1- A dilett e U18

Il Modello prestativo della pallacanestro A1 adil u18

Prima di tutto abbiamo qualche tiepida notizia che qualcuno cominci ad ammettere pubblicamente che effettivamente i calcoli fatti nel calcio solo con la velocità sono sbagliati e quindi un po' di saggia e sana autocritica, naturalmente questo lo fanno le persone intelligenti, non altri presuntuosi con gli occhialetti che dicono che invece con la valutazione dell'accelerazione non cambia nulla nel calcio (infatti debbono ancora arrivare a capire che conta la potenza, sono un po' di coccio, ci vuole tempo prima che lo capiscano, oppure hanno capito che debbono buttare tutto quello che hanno fatto fino ad ora). Continue Reading →

Un po’ di storia: modello prestativo del basket (1985!)

modello basket 1985

(by RColli) Non so se mi sto facendo prendere dalla nostalgia, ma questo lavoro per me ha rappresentato un cambiamento di mentalità: non si possono proporre sistemi e metodiche d'allenamento se non si conosce come avviene la prestazione. In quel tempo, e ancora per molti adesso, eravamo tutti bloccati dalla differenziazione in categorie per capacità condizionali e capacità coordinative, distinzione importata soprattutto dall'Est, ragionando come se potessimo gonfiare a dismisura una di queste per migliorare la prestazione finale. Ad esempio: l'aumento della forza massima sviluppata magari con le macchine (che in quel periodo cominciavano ad andare di moda), si pensava potesse automaticamente garantirci una maggiore accelerazione... Continue Reading →

Ciclismo su strada: modello di prestazione

modello prestazione GareCiclismo

(by RColli) Cercando di rispettare coerentemente la nostra gerarchia di pensiero quando si va a proporre un allenamento, apriamo la sezione dedicata all'allenamento del ciclismo con un articolo sul modello di prestazione delle gare su strada del ciclismo femminile che risulterà molto simile a quello maschile.
Questo articolo è stato scritto nel 1996-'97 quando in Italia eravamo i primi ad utilizzare i sistemi di valutazione della potenza, ed ampliato nell'anno dopo con le gare maschili; è stato scritto e sviluppato per la federazione ciclistica (Fci) con cui collaboravo e come la maggior parte delle mie modeste "ricerche da campo" non avevo nè il tempo nè soprattutto la voglia di metterle per iscritto; solo due anni dopo, con l'aiuto sostanziale di un paio di coautori è stato pubblicato su una rivista non-ranked come Teknosport, quindi lo hanno letto in pochissimi. Continue Reading →

Modello prestativo del Kayak – anno 1988

(by RColli) Questo è il primo articolo della trilogia pubblicata su SdS (rivista di cultura sportiva del CONI) nel 1989, e rappresenta il primo lavoro anche a livello internazionale che determina le caratteristiche della prestazione nel kayak velocità sui 500 e 1000 metri.
Gli autori sono: Roberto Colli, Elisabetta Introini, Claudio Schermi, Piero Faccini e Antonio Dal Monte (stiamo ricercando la foto di copertina che appena avremo integreremo nell'articolo).
Entro la fine della prossima settimana aggiungeremo anche il secondo articolo che riguarda il joule/colpo.

Modello di prestazione del Kayak (1988)

s2Member®