Posted on

L’andamento dei parametri della sinottica in due periodi dell’anno nelle partite di una squadra giovanile (Fioraso 2a parte)

Il Pdf   è solo per i sostenitori del blog  

Oggi mettiamo la seconda parte dell'audiovideo di Marco Fioraso (il PDF è solo per i sottoscrittori) che descrive con molta semplicità quello che dovrebbe valutare sempre ciascun responsabile della preparazione fisica della propria squadra: come si evolve la prestazione fisica durante l'anno, e se c'è un calo a cosa può essere dovuto? Questa è la nuova vera strada della valutazione, naturalmente bisognerà poi girarla anche in termini individuali ed unirla ad altri parametri di controllo dell'allenamento; intanto dovete sottrarre tale sistemi a quei quattro parrucconi che credono di essere sopra gli altri, più intelligenti degli altri, e che per 30 anni vi hanno detto come si faceva, facendovi sbagliare tutto. Nei seminari di quest'estate, continueremo la nostra opera di controinformazione sulla metodologia dell'allenamento, gestita da chi sul campo non ci sta mai, che ha distorto completamente il modo di approcciare l'allenamento comprendendo dapprima la sua specificità e poi cercando al suo interno le modalità per migliorarlo ed anche valutarlo. È di questi giorni la miserabile figura impresentabile (ma mostrarsi è ormai un obbligo anche se si cade nel ridicolo) di uno che era meglio che al massimo faceva la voce fuori campo (confondendo BARICENTRO con BILANCIERE); ci spiega come noi, indifferentemente in tutti gli sport, ci dobbiamo adattare alla pesistica, e non il contrario. Bene, questo è l'emblema dell'errore madornale di chi crede di parlare di metodologia di allenamento per gli altri sport senza averli mai conosciuti: è tutto il contrario! Sono eventualmente alcuni movimenti della pesistica che vanno totalmente riadattati agli sport e ad esempio alle forze laterali ed orizzontali che vengono impresse, all'equilibrio da ritrovare dopo questi spostamenti non verticali. Oppure all'idea che quasi tutti debbono usare molto meno il bilanciere e lavorare molto di più con i manubri, che molto di più si svolge su una gamba sia di spinta che di frenata piuttosto che con due. E tanto altro... ma quando ci arrivano???