Posted on

Confronto GPS 10-Hz e 20-Hz (2a parte)

 il PDF è solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.

La sottoscrizione senza il versamento verrà cancellata e non verranno accettati iscrizioni alla pagina facebook senza la regolarizzazione della quota di sottoscrizione.
Non verrà data alcuna risposta alle email, commenti o richieste di informazioni di non sostenitori del blog.
Se sei già sostenitore, effettua il login.

Anzitutto vi ringrazio perché pensavo che l'audiovideo su questo argomento non lo vedesse nessuno ed invece ho visto oltre 200 scarichi, poi bisogna vedere se siete arrivati in fondo. Corroborato da questa buon accoglienza ecco pronto quest'altro mattone!!!

Oggi chiudo l'argomento con un analisi critica soprattutto dell'applicazione tout court dell'equazione di Minetti (attenzione non sto criticando l'ottimo lavoro del prof. Minetti sul costo energetico della corsa in salita e discesa) che è nata con uno scopo diverso da quello poi genialmente utilizzato dal prof. di Prampero per dare un numero al costo energetico della corsa in accelerazione e quindi tutta la cascata della potenza metabolica del calciatore. Dopo 4 anni di blog (vi ricordo che abbiamo fatto il 4° compleanno, il 24 ottobre 2011 abbiamo iniziato questa avventura che ancora continua e che ha ricevuto oltre un milione di contatti e visualizzazioni cioè 250 mila contatti l'anno) e soprattutto di uso dei GPS e di continui aggiornamenti; penso di poter dire la mia con buona competenza anche su cose sacre, senza alcun intento demolitorio, ma per meglio puntualizzare alcuni effetti perversi che l'applicazione di questa equazione può comportare e per rivendicare la strada originale intrapresa.

Per ultimo, faccio i miei complimenti a tutti quelli che gia usano i GPS e sono riusciti ad entrare al corso di Preparatore Atletico della FIGC a Coverciano, non certo per quello che impareranno lì, in gran parte obsoleto e ampiamente superato con alcuni docenti fuori dalla pratica di campo che vi parleranno 7-8 volte del Rosenborg, ma per la possibilità di poter avere l'abilitazione da professionista, che è l'unica cosa che conta.