Posted on 1 commento

Navetta 20+20 max e sprint su 20 m: il ruolo indipendente del cambio di senso (1a parte di Dario Pompa)

Dopo l'ottimo audiovideo di Basile che ci ha dimostrato alcuni aspetti interessanti nella costruzione del microciclo settimanale (e ci deve molte risposte quando tornerà dalle vacanze!!!), sia di quanto non bisogna fidarsi dei risultati di studi internazionali - che spesso ci depistano per la scarsa attenzione che viene data a come sono organizzati gli allenamenti - ecco qui una nuova tesi di Dario Pompa infaticabile, che dopo aver girato mezza Europa - per spesso accorgersi che lui invece è già più avanti di molti altri - ci presenta un qualcosa di molto utile, e cioè un confronto tra gli sprint e le navette su 20 metri.
In questo studio risalta in maniera chiara ed inequivocabile, e conferma alcuni dati presenti anche nel libro di Tibaudi, che la forza esplosiva, le misure antropometriche, la velocità, poco hanno a che fare sulla capacità del soggetto di frenare e ripartire.
Aggiungo un paio di cose: la prima riguarda la mia conoscenza dell'Impact Factor (IF) e dello Science Citation Index (SCI) che risale a circa il 1982, quando conobbi Bosco ad un seminario organizzato dalla SdS, e caso particolare era interessante sentirlo parlare a bassa voce (era da poco tornato dalla Finlandia). Sicuramente IF e SCI erano molto più veritieri 30 anni fa di quanto lo sono adesso, sputtanati dalle camarille che si creano gruppi di pseudoscienziati che a volte sono scrittori di articoli, altre volte referees, con il risultato che si sa già all'interno delle riviste quali sono i lavori da far passare ed in quali riviste si hanno amici.
Questa, attenzione, non è una pratica solo italiana, ma diffusa in tutto il mondo e quindi si è oramai inflazionato qualsiasi indice per determinare la qualità dello scienziato: quindi non fateci ridere please!!!
Il pallino torni agli utenti, e soprattutto descriviamo molto meglio quali sono le tipologie di allenamento usate invece che di sbrodolarsi su indici statistici incomprensibili. Lasciamo agli sports scientists fasulli le loro seghe mentali sulla statistica avanzata, che capiscono solo loro e serve per fare bella figura con qualche scienziato influente americano, grande ras della cultura scientifico-sportiva. Questa è l'evidenza!! Quando uscirete dall'età jurassica dell'allenamento potrete parlare, altrimenti scrivete e basta, fate più bella figura!!!