Posted on 5 commenti

L’allenamento della forza nel calcio nelle prime 3 settimane: quale forza e quali esercizi (3a parte)



L'audiovideo è per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.
Se sei già sostenitore, effettua il login.

Non vi state sbagliando, i primi minuti dell'audiovideo di oggi sono gli stessi della fase terminale dell'audiovideo della 1a parte, dove rivedrete il buon Pompa fare le salite sul gradone. Questo perché mi serve per non spezzettare la spiegazione, infatti con tutto questo arriviamo a 25 minuti e mi scuso ma di meno non si poteva fare.
Vi avviso che ne abbiamo un altro di audiovideo dove parleremo ancora di forza, nel versante del controllo del carico, dove di pesi non se ne vedono. La cosa certa quindi che l'espressione di forza che privilegiamo in questa fase sarà quella dinamica massima, così come crediamo di interpretare bene noi dalla classificazione di Bosco, non Silvaggi e Alberti (ripeto senza alcun intento polemico con loro, chi vuole può andarsi a rivedere l'audiovideo dove specifico sul perché di questa interpretazione della classificazione di Bosco). Unitamente e con maggiore predilezione all'inizio del ciclo, daremo ad attività statiche e a bassa velocità anche in eccentrico al fine di tenere "tranquillo" il tendine con picchi di forza bassi.
Gli esercizi di questa sezione avranno come vedrete caratteristiche molto generali e l'unico obbiettivo sarà quello di recuperare i livelli di forza preesistenti senza andare incontro a problemi, alternati ad un recupero del controllo del corpo dapprima statico e poi dinamico, che vedremo nel prossimo audiovideo dove sono presenti esercitazioni più specifiche.

Posted on 8 commenti

Elastici e torsion pulley a confronto sulle trazioni

Oggi affrontiamo un argomento molto di moda e cioè: l'uso degli elastici, che si sta sviluppando da un po' di tempo, quali vantaggi porta al movimento? Ed anche, quali carenze ha questo strumento rispetto alle normali azioni con i sovraccarichi? Ultimamente quacuno si spinge anche oltre affermando che con gli elastici riesci a fare tutto: niente di più sbagliato e scorretto.
Altresì una corretta integrazione fra i due sistemi potrebbe risultare la migliore in termini di sviluppo della forza e del controllo.
Acoltando l'audiovideo, che è stato prodotto da Colagiovanni, Pompa, Introini ed il sottoscritto, abbiamo cercato di analizzare molto sommariamente ciò che accade dal punto di vista dinamico e cinematico in alcuni tipi di trazioni, e credo che si possano comprendere con facilità pregi e difetti dei diversi sistemi.
Anche sottolineando la visione sempre dimenticata delle diverse forze che si applicano e si possono applicare a diversi angoli articolari.
La prossima volta, tratteremo le spinte e porteremo qualche ipotesi di conclusioni, comunque già presenti in questo audiovideo.