Posted on 9 commenti

Il recupero agonistico di un legamento crociato: un percorso (Lucarini,Azzone)


Il PDF è scaricabile solo dai sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.
Se sei già sostenitore, effettua il login.
Questo audiovideo sul recupero del legamento crociato di Lucarini, Colli, Azzone e Savoia rappresenta un tentativo di visualizzare il recupero nella fase agonistica di una giocatrice cercando di seguire i principi di controllo che abbiamo indicato nei precedenti audiovideo. Sappiamo per certo che quando un medico ci dice: "Ok, la ragazza è pronta, può andare in campo", non gli dobbiamo mai credere perché la visione miope ed analitica degli ortopedici significa solo che in un cazzo di test alla leg estension magari hanno trovato che i valori dell'arto operato risultano vicini a qulli dell'arto non operato. Il buon senso ci dice che la ragazza ad esempio quando corre piano zoppica ancora o si appoggia tutto dal lato sano. E se la guardassimo saltare? Sicuramente, anche unito ad un buon squat test con fotografie e video, dobbiamo fare qualcosa di più approfondito della superficialità dei medici che riguarda il movimento e poi se possibile anche il moviemnto specifico. Continua a leggere Il recupero agonistico di un legamento crociato: un percorso (Lucarini,Azzone)

Posted on

L’evoluzione dei test di salto bipodalici (parte 3): analisi dell’allenamento

Il resto dell'audiovideo e il pdf sono solo per i sostenitori del blog, informati sulle modalità di sottoscrizione.
Se sei già sostenitore, effettua il login.

Con questo, concludiamo solo la parte dell'evoluzione dei test bipodalici. Per i sottoscrittori loggati c'è anche un PDF di tutte le slide utilizzate dove potete guardare meglio i numeri. Subito da mercoledì comincereremo ad affrontare la parte riguardante anche i test monopodalici nelle sue varie forme.
Ripeto, questa è l'organizzazione dei test che adotto io, che vuole essere una sintesi tra i numeri che prendevamo prima, la nuova visione dell'angolo al ginocchio, e l'analisi del movimento. Il tutto per fornirmi la possibilità di operare nella direzione individuale: come noterete, adesso non hanno più molto senso quegli studi che ci fanno vedere le medie di evoluzione (come purtroppo avviene nella pseudo ricerca scientifica di chi non sa quali sono le esigenze dell'operatore), perché sono troppo parziali; il nostro compito attuale - e di prospettiva - è proprio quello di cucire addosso al nostro giocatore un programma che tenga conto dei molteplici aspetti, sia personali che dello sport. Continua a leggere L’evoluzione dei test di salto bipodalici (parte 3): analisi dell’allenamento